sabato 16 giugno 2012

UMORISMO


Da Lele con humor...


Il parroco di un piccolo paese 
festeggia il suo 25°  anno di sacerdozio.




Inizia il suo discorso :



 "Cari compaesani, è molto difficile per un parroco tenere un discorso che non sia di fede. Ci sono diversi aneddoti che potrei raccontarvi, ma sapete anche voi che c’è il segreto confessionale. Voglio solo narrarvi che, quando sono arrivato nella vostra comunità, subito mi sono domandato dove fossi finito. Infatti, già alla mia prima confessione, arrivò un tizio che mi confessò di aver tradito la moglie prima con la cognata, poi con la nipote e di avere trasmesso ad entrambe una malattia venerea che si era preso o dalla sua segretaria o forse da un suo amico con cui aveva regolarmente dei rapporti essendo egli un bisex. Insomma...sposato con regolari rapporti extraconiugali con parenti, segretaria ed amico!!! Al ché mi sono preoccupato... e mi sono chiesto: se il buongiorno si vede dal mattino, chissà il resto della comunità! Ma alla fine, in tutti questi anni, ho capito che il vostro paese non è poi così male e che, anzi, questa prima confessione alla fine è poi stata la sola eccezione." Il discorso termina con un applauso e tutti si girano intorno per cercare il Sindaco che avrebbe dovuto concludere la cerimonia, ma il Sindaco non c'è! Aspetta, aspetta, dopo circa 20 minuti ecco che arriva; si scusa per il ritardo dovuto ad altri impegni, sale sul podio e inizia il suo discorso: "Ricordo benissimo quando arrivò il nostro parroco poiché proprio quel giorno io ho avuto l'onore di essere il primo ad essere confessato....." RICORDA, MAI ARRIVARE IN RITARDO!!!!"



VEDREMO UN FILM...


La fotografia è verità, e il cinema è verità ventiquattro volte al secondo.  
( Jean Luc Godard )

Jean Luc Godard



Qualcuno ha detto . . . non ci sono più le mezze stagioni . . .
Ma perché, le stagioni ci sono ancora?
Non si capisce come nello stesso periodo tra nord, centro e sud, isole comprese, il tempo abbia una così ampia variabilità. Ne approfitto comunque per presentarvi i film nelle sale da venerdì 16 giugno . . . sempre che non abbiate voglia di godervi l’aria aperta  ! 



Adorabili Amiche

Road-movie di mezza età
Regia di Benoît Pétré. Con Jane BirkinCaroline CellierCatherine JacobThierry Lhermitte                                                    Genere  Commedia  -  Francia, 2010. Durata 90 minuti circa.
Nelly è un’insegnante di belle speranze e poche pretese, Gabrielle è una borghese piena di soldi e senza compagno e Chantal fa la promoter in un supermercato, ama i cani e odia il marito. Le tre cinquantenni hanno in comune Philippe, un vecchio amore in procinto di sposarsi con una sconosciuta; un uomo che, per eccessivo narcisismo e stucchevole galanteria, ha deciso di invitare tutte e tre al suo pomposo matrimonio. Superate le prime titubanze, Nelly, Gabrielle e Chantal decidono di partecipare alla cerimonia.


Le Paludi Della Morte 

Texas Killing Fields
Due agenti della omicidi alle prese con un serial killer
Regia di Ami Canaan Mann. Con Sam WorthingtonJeffrey Dean MorganJessica Chastain,Chloe MoretzJason Clarke
Genere  Drammatico -  USA, 2011. Durata 109 minuti circa.
Texas City. Mike e Brian sono due agenti della omicidi, alle prese con un serial killer che abbandona i corpi straziati delle sue vittime, alcune delle quali giovanissime, in un'area paludosa e maledetta: i cosidetti “killing fields”. Nonostante la scena del crimine sia fuori dalla loro giurisdizione, e Mike inizialmente cerchi di convincere il collega a lasciar perdere, l'agente Brian si sente in dovere di indagare su quei terribili delitti e fermare l'assassino. Quando sparisce Anne, la ragazzina del posto che Brian ha preso sotto la sua protezione quasi fosse una figlia, inizia una lotta contro il tempo e un viaggio anche metaforico nelle oscure e fangose paludi della società americana.


21 Jump Street

Remake della celebre serie tv anni '80
Regia di Phil LordChris Miller. Con Jonah HillChanning TatumJohnny DeppEllie Kemper,Jake M. Johnson
Genere  Azione -  USA, 2012.
Un'unità sotto copertura della polizia formata da due giovani agenti si infiltra nelle scuole superiori per controllare il crimine giovanile.


Il Dittatore

Un dittatore contro la democrazia
Regia di Larry Charles. Con Sacha Baron CohenBen KingsleyJason MantzoukasAnna Faris,Megan Fox
Genere  Commedia - USA, 2012.
Dopo Borat e Bruno, il regista Larry Charles dirige Sacha Baron Cohen nel film The Dictator. La pellicola racconta due storie parallele, del pastore di un gregge di capre e di un ex dittatore straniero che si perde negli Stati Uniti.


C’era Una Volta In Anatolia

Indagine su un gruppo di commissari al di sopra di ogni sospetto
Regia di Nuri Bilge Ceylan. Con Yilmaz ErdoganTaner BirselAhmet Mümtaz TaylanMuhammet Uzuner                               Genere  Drammatico - Turchia, 2011. Durata 150 minuti circa.
Tre auto viaggiano nella notte nella provincia dell’Anatolia. Cercano qualcosa nell’oscurità: ogni collina, ogni albero potrebbero essere il luogo giusto. Sono un commissario con i suoi poliziotti, un procuratore e un medico, conducono il sospettato di un crimine alla ricerca del luogo dove avrebbe sepolto il cadavere. Vagano senza risultati, si fermano a mangiare dal sindaco di un paesino, poi riprendono la ricerca. All’alba trovano il corpo, lo caricano in auto e lo trasportano nella cittadina per farlo riconoscere dalla moglie ed eseguire l’autopsia.


Benvenuto A Bordo

Commedia d'amore nautica
Regia di Eric Lavaine. Con Franck DuboscValérie LemercierGérard DarmonElisa Servier,Luisa Ranieri
Genere  Commedia -  Francia, 2011. Durata 90 minuti circa.
Una nave da crociera e un ingestibile triangolo amoroso sono gli ingredienti di una scoppiettante e divertente commedia nautica. Isabella, direttrice delle risorse umane di un'importante compagnia marittima, ha probabilmente commesso uno sbaglio diventando l'amante del suo capo. Prima di imbarcarsi per la crociera inaugurale della nave ammiraglia della compagnia, viene mollata e per vendicarsi assume Remy, un improbabile animatore che diventa il peggior icubo per il presidente e direttore di crociera. La situazione si complica quando tra Remy e Isabelle nasce l'amore...


Paura

Horror firmato dai Manetti Brothers
Regia di Antonio ManettiMarco Manetti. Con Peppe ServilloLorenzo PedrottiFrancesca CutticaDomenico DieleClaudio Di Biagio                                                                                                                                                                                         Genere  Horror  -  Italia, 2012.
I Manetti Brothers firmano un horror a tratti anche divertente con Peppe Servillo. Per fare una bravata, tre amici entrano di nascosto in una villa e fanno un'orribile scoperta che pagheranno con la vita.


. . . e ancora, da mercoledi’ 20 giugno . . .


The Blues Brothers

Un classico del genere comico demenziale e sgangherato diventato culto
Regia di John Landis. Con Dan AykroydJohn BelushiKathleen FreemanJames BrownHenry Gibson
Genere Musicale - USA, 1980. Durata 133 minuti circa.

Per impedire la chiusura della loro vecchia scuola, due fratelli organizzano un concerto. Combinano tanti guai che l'intera polizia di Chicago si mette a inseguirli a piedi, in auto, a cavallo, in elicottero.


Rock Of Ages

L'amore sfegatato per i divi del rock
Regia di Adam Shankman. Con Paul GiamattiTom CruiseRussell BrandMalin AkermanAlec Baldwin
Genere  Musical  -  USA, 2012.
L'adattamento cinematografico del musical di Broadway “Rock of Ages”. La storia, ambientata nel 1987, racconta di una piccola ragazza di paese che incontra una grande rock star in uno dei più famosi rock club di Los Angeles. I due s'innamorano.


Chernobyl Diaries

Un'inquietante 'gita' a Chernobyl
Regia di Brad Parker. Con Jesse McCartneyJonathan SadowskiNathan PhillipsIngrid Bolsø BerdalOlivia Dudley
Genere  Horror  -  USA, 2012. Durata 90 minuti circa.
Un gruppo di turisti rimangono bloccati in una cittadina ucraina vicino Chernobyl, un tempo abitata da operai della centrale nucleare e adesso completamente deserta. Ma quando il sole tramonta, degli inquietanti rumori fanno loro credere di non essere veramente soli.



Anche questa settimana, buona visione a tutti . . . da Maria !



venerdì 15 giugno 2012

ALZHEIMER: le ultime ricerche


Le statine sono risultate utili nell’Alzheimer Se trattati precocemente i malati migliorano cognitivamente

Giungono dal Canada gli studi più recenti in materia di Alzheimer e per molti versi appaiono sorprendenti, non solo perché smentiscono i risultati che negli anni venivano dati per acquisiti, ma anche perché farmaci ed integratori di utilizzo diffuso sembrerebbero risultare efficaci anche nella prevenzione dell’alzheimer. 
In particolare è emerso che chi assume statine corre un rischio ridotto di sviluppare la malattia di Alzheimer  e quindi tali farmaci, ampiamente prescritti per abbassare i livelli di colesterolo in persone sofferenti di patologie cardiovascolari o a rischio di incorrervi,  avrebbero un doppio impatto positivo. 
Lo studio ha riguardato i cervelli di 110 persone di età compresa fra i 65 e i 79 anni di cui sono stati prelevati i campioni, successivamente pesati e valutati in relazione a numerose variabili, fra cui età al decesso, sesso, eventuali ictus, ecc….
i ricercatori hanno notato, così,  che nei cervelli delle persone che avevano ricevuto una terapia a base di statine erano presenti una quantità di fibrille di proteine tau nettamente inferiore rispetto agli altri. Il deposito nel cervello di fibrille di proteina tau e di placche di proteina beta amiloide sono i segni caratteristici della malattia di Alzheimer che dunque risultavano meno evidenti all’interno del cervello di quanti avessero assunto statine nel corso della propria vita. 
Lo studio della McGill University, pubblicato sul Journal of Neuroscience  ha inoltre confermato che  "le persone affette da Alzheimer sono diverse –come affermato da Gail LI, uno degli autori della ricerca-. È probabile che le statine aiutino a prevenire la malattia più in alcuni soggetti che in altri. Forse un giorno saremo in grado di dire con più precisione chi può beneficiare di quale tipo di statina per prevenire i cambiamenti prodotti dalla malattia." Ora si tratta di capire, conclude  Hamel  “in che modo trasportare questi soddisfacenti risultati dal laboratorio alla terapia per i pazienti.” Di modo che da “tale ricerca possa partire l'impulso a promuovere urgenti ricerche per aumentare la diagnosi precoce e aiutare le persone con demenza a ottenere di più dai trattamenti”.


Annamaria... a dopo

giovedì 14 giugno 2012

CONSIGLI UTILI


GRANDI CONSIGLI


            L’ acqua di cottura, piena dell’amido di pasta e riso, la si può riutilizzare come detersivo, quindi, quando scolate pasta o riso, potete utilizzare l’acqua con una spugna per pulire la padella degli intingoli e i piatti.

            Avete un pezzo di grana in frigo diventato ammuffito e secco ma non avete voglia di buttarlo via? Togliete la muffa dalla superficie, mettete il pezzo di grana insieme a due fette di patate avvolto in uno straccio da cucina e conservate in frigo. Nel giro di 12 ore il grana tornerà a nuova vita.


            Quando si acquistano le olive sfuse, sia verdi sia nere, per conservare al meglio è bene scolarle dall’acqua della salamoia e metterle sott’olio in un recipiente di vetro. Manterranno intatto il loro sapore e la loro “freschezza” a lungo.

            Per deodorare ambienti chiusi come scarpiere o cabine armadio, basta inserire mezzo o più bicchieri di bicarbonato di sodio. In poco tempo tutti i cattivi svaniranno.

            Per pulire pentole e altri oggetti in rame, è consigliabile usare i detergenti dei nostri nonni: una sana miscela di farina di mais gialla con l’aceto. In una ciotola versate la farina a seconda delle superfici che dovete lavare, quindi versate aceto di vino e mescolate. Con un panno o una spugna trattate le superfici. Torneranno come nuove, pulite e lucenti.

            Per pulire colli e polsini delle camicie, prima di metterle in lavatrice, è sufficiente utilizzare il sapone di Marsiglia, che sgrassa come o  meglio dei prodotti appositi.

            Come attutire l’acne giovanile? In erboristeria acquistate un etto di foglie e di radici di bardana. Versate tutto in acqua e portate a ebollizione. Bevete due tazze di decotto al giorno per due settimane.
            Il collo è una delle parti del corpo tra le più fragili, quindi per farlo “riposare” bene è consigliato un cuscino basso.

            Per disinfettare la pelle del viso applicate della polpa di pomodoro con un cucchiaino di bicarbonato e lasciate agire per 15 minuti.  

            È meglio evitare di regalare oggetti che usanze e antiche leggende hanno “catalogato” come portasfortuna. Ecco l’elenco: pettini, fazzoletti, spille, forbici, coltelli da cucina, piume, lampade.




            Annamaria2





mercoledì 13 giugno 2012

LA MUCCA TERESA






TERESA(sguardo dolce e impaurito)




MAMIE...sguardo dolce


Lorè, grazie per aver ricordato il caso della Mucca Teresa. La sua storia mi aveva colpita. La riassumo brevemente: nel 2011, Teresa, per scappare dal suo allevatore siciliano si era gettata nelle acque dello stretto di Messina e voleva approdare nelle coste Calabre, cercando la libertà. Caparbiamente si era messa a nuotare.Poi purtroppo è stata presa e portata nel camion per far ritorno all'allevamento . Ma una ragazza aveva assistito e filamto tutta la scena del "salvataggio" e la storia di Teresa e del suo sguardo dolce e impaurito aveva fatto il giro del web e ne era  nata una gara di solidarietà. Devo darti la bella notizia, ma forse già la sai: è stata adottata nella fattoria di Mili, la Casa di Accoglienza Ignazio Cannavò, in provincia di Messina.
E...almeno lei morirà non macellata ma di vecchiaia.
E come dice il coordinatore regionale dell’Enpa . Se oggi Teresa ha la possibilità di vivere una vita tranquilla e serena, il merito è il suo che ha saputo sfidare la sorte di prigionia, cattività e morte cui sembrava inevitabilmente predestinata”.Penso che tutti noi abbiamo qualcosa da imparare dal coraggio e dalla caparbietà di Teresa”.
Se l’è vista brutta, ma, alla fine, la mucca Teresa ha trovato la libertà...

 



Annamaria... a dopo





PENSIERO DI OGGI

PENSIERO POSITIVO DI OGGI

pp
http://4.bp.blogspot.com/-wOxjvEbXOrs/TsRT2gjSIiI/AAAAAAAAHmc/bpvfMSxezTE/s200/positivit%25C3%25A0.jpg


Abbraccio e accetto tutto di me [pregi e difetti] con gioia e amore











Si ride, si piange










PER SCACCIARE LE FOBIE BASTA UNA PILLOLA DI CORTISOLO







Paure ingiustificabili, timori irrazionali, ansie persistenti: in una parola fobie, un problema finora senza soluzione per milioni di persone. Da oggi, però, le crisi di panico possono essere risolte. La buona novella arriva da uno studio internazionale pubblicato sul sito online del settimanale scientifico “Proceedings of the National Academy of Science” (PNAS): la soluzione alle diverse fobie è rappresentata da una semplice pillola a base di cortisolo capace di cancellare ogni paura nascosta, facendone dimenticare i motivi irrazionali. Come? In pratica, hanno spiegato gli esperti, il cortisolo interrompe il flusso di sangue di alcune regioni cerebrali deputate appunto al ricordo delle fobie, rendendo le persone insensibili al panico. Per sostenere questa tesi, i ricercatori hanno testato gli effetti del cortisolo su venti persone affette da acrofobia, la paura dell’altezza e più in generale dei luoghi elevati. Nessuna ricostruzione virtuale di altitudini particolari, terapia peraltro poco fortunata stando ai numeri e agli esperimenti del passato, ma una semplice pastiglia e un questionario di verifica dai risultati eccezionali: chi ha assunto il cortisolo ha mostrato una decisa diminuzione della paura, mentre nulla è cambiato per il gruppo di controllo, altre venti persone che hanno ricevuto dai ricercatori un semplice placebo. E c’è di più: ripetendo il test a distanza di un mese, gli scienziati hanno potuto constatare l’efficacia e la stabilità dei risultati ottenuti. Gli effetti del cortisolo, in pratica, si mantengono nel tempo e, secondo gli scienziati, bastano tre sessioni della nuova terapia per scacciare ogni fobia. Sarà vero? Provare non costa nulla.


Annamaria... a dopo

IL LINGUAGGIO DEL CORPO…E DELL’AMORE 2











Il fascino dei capelli, del seno e del lato B


bambole bionde 7

DUCKY   I capelli, una chioma bionda o castana…una cascata di leggiadria…

ENZO     Marilyn Monroe! Te la ricordi?


marilyn monroe naked animations

DUCKY E chi se la scorda…un connubio di bellezza  e grazia infantile: una completezza assoluta.

ENZO     In un film…mi pare “gli uomini preferiscono le bionde”, lei si contende il titolo di seduttrice con la bruna Jane Russell, altra donna affascinante.  Ebbene, il film rispecchia in pieno la realtà: l’uomo preferisce la donna dalla chioma d’oro. I maschietti sono maggiormente attratti dalle bionde e trovano le “rosse” le meno attraenti.

DUCKY   Come mai?

ENZO     Pare che lo charme per i capelli chiari, afferma M. Pacori, abbia radici biologiche ed essere legato al fatto che gli uomini giudicano avvenenti in un volto femminile dei tratti infantili.

DUCKY   E Marilyn possedeva quel certo “nonsoché” di infantilismo.

ENZO     Certo certo…e tornando ai capelli…la chioma bionda è associta all’infanzia: alla nascita, e nei primi anni di vita i capelli sono più chiari. Eppure non è tutto biondo quello che luccica.

DUCKY   Che significa?

ENZO     Uno studio approfondito ha appurato che le brune sono ritenute sveglie e genuine; risulterebbero intelligenti, sincere e ambiziose; le bionde, per contro, danno l’idea di essere belle, delicate, ma anche infide e imprevedibili.

DUCKY   Statistiche, Enzo, statistiche!  Bene, passiamo al “balconcino”.

ENZO     …”balconcino”…dai, è riduttivo…rimpicciolisce, meglio “seno”,  petto, mammelle. Io le prediligo “sode-abbondanti ,a goccia”

DUCKY   Io esco pazze per quelle genuine-sode-a pera o al massimo  a limone con un  bel paio di “corbezzolini fragolati”,
che quando le acchiappi  è come se prendessi una scarica elettrica. A proposito, Enzo, sai che ci sono donne che hanno i capezzoli disuguali? Non so se lo sai?

ENZO     Lo so, e tu sai bene che io lo so… e smetti di fare gesti con quelle mani. Ci siamo capiti e ci siamo espressi molto bene. Ora è il momento di parlare d’altro.

DUCKY   …delle natiche, lato B.

ENZO     Sì, le natiche. In Campania si chiamano “’o panaro”, sono un dettaglio che paralizza lo sguardo dell’uomo: più sono piene, e più evocano un atavico messaggio di disponibilità sessuale.

DUCKY   Sempre gli studiosi lo dicono?!

ENZO     Sì, certo.

DUCKY   Ecco, mi hai tolto il pensiero…ero preoccupato che fosse il “tuo” pensiero.

ENZO     Vuoi aggiungere qualcosa altro in merito al seno e alle natiche?

DUCKY   Io li metterei sullo stesso piano.

ENZO     Io li metterei in un altro posto…come faccio con le ciliegie…ma che mi fai dire, Duc?

DUCKY   Sei tu che lo stai dicendo, non è che te lo faccio dire io!
ENZO     Nella cultura occidentale è così, ma non è dappertutto così.
DUCKY   Davvero? In che senso?

ENZO     Nel senso che, per esempio, in Sudamerica un sedere compatto e rotondo è ritenuto più allettante del seno. Nei secoli passati venivano criticati i seni abbondanti. Le sculture classiche romane e greche testimoniano seni piccoli, come pure nell’Ottocento.

DUCKY   Oggi però impera il seno rigoglioso…”’e zizze grosse”.

ENZO     …e finiscila di fare il cretino con le mani…sembra che avviti due lampadine…

DUCKY   E’ per darti un’immagine chiara…!

ENZO     Mo’ te la do in testa l’immagine…con una padella però.

DUCKY   Scusa, l’argomento mi ha stuzzicato…continua con la trattazione.

ENZO     Secondo i biologi evoluzionisti questa preferenza…

DUCKY   ..per il sedere…

ENZO     …sì si…per il sedere sarebbe dovuta al fatto che la  razza umana è l’unica che fa sesso “a faccia a faccia”.

DUCKY   Porca miseria, è vero non c’ho mai fatto caso. Tutti gli animali lo fanno alla pec…

ENZO     Duc, psicolabile,  sei pregato di esprimerti  almeno in latino, che conosci.

DUCKY   Pardon, coitus a retro, che è una variante dell’amplesso in cui la penetrazione avviene da dietro, alla maniera degli animali quadrupedi. Si dice anche coitus more ferarum. Mi permetti di completare la spiegazione?

ENZO     Ma mi raccomando il linguaggio.

DUCKY   sicuro…dicevo che questa posizione offre due possibilità in cui la Ciucciottina è piegata in avanti e il Ciucciotto s’introduce in LEI da dietro; l’altra è la cosiddetta “Boccaccio” in cui la LEI, voltandogli le spalle, siede a cavalcioni sul partener supino.

ENZO     Ti sei esibito nel numero!? Ora te ne stai buono buono e muto per un bel po’. Per completare, diciamo che,  a causa della posizione anomala dell’accoppiamento, le donne avrebbero sviluppato il seno per imitare il turgore del sedere.

DUCKY   Ho sentito parlare della “chicane”, cos’è?

ENZO     Domanda molto interessante. Prendiamo tre donne: la Venere di Botticelli, Marilyn Monroe e l’immensa e flessuosa “pizzaiola”, Sophia Loren: avevano la “chicane”.



DUCKY   Ti ascolto, dimmi!

ENZO     “La chicane” è la misura ideale del rapporto fra il girovita e la larghezza dei fianchi che nella donna da generalmente da cm 67 a cm 80.

DUCKY   Ma qual è il rapporto ideale?

ENZO     Per una donna è quello il cui peso è circa un terzo della misura dell’altezza. In definitiva, A influenzare l’attrattiva di una sagoma femminile è anche l’ampiezza: più un fisico è largo, meno piace, e questo vale per ogni segmento corporeo (larghezza delle spalle, circonferenza delle cosce o dei polpacci eccetera).

DUCKY   …e questo contrasta con quanto va dicendo qualche lettrice che si vanta nell’affermare che la pinguedine piace.  Ma io mi domando e dico…”non è che Lei ha lo specchio convesso a casa, che le restringe i fianchi e l’allunga in altezza?

ENZO     Fai la persona seria, Duc, e non mancare di rispetto a nessuno…molte volte la “corpulenza” è dovuta a uno stato d’ansia per mancanza d’amore. Finiamola qui e passiamo ad altro  del lato B.

DUCKY   Le gambe, Prof, le gambe…qua si ferma l’orologio.

ENZO     Si, ma stai quieto, non ti eccitare.

DUCKY   Alter Ego caro, le gambe sono uno degli attributi delle Ciucciottine che maggiormente colpiscono…

ENZO     …ti colpisco io se vai fuori limite.

DUCKY   …ehi,  non esagerare, stavo solo dicendo che le cosce…o meglio…le gambe maggiormente colpiscono l’immaginario maschile.

ENZO     …me e te compresi! Ma se le gambe lunghe sono attraenti, non lo è una donna troppo alta: è preferita di più una Ciucciottina  di statura media.

DUCKY   Sempre gli studiosi lo dicono!?

ENZO     Sempre…io riferisco sempre da studi fatti. E’ il turno dei piedi.

DUCKY   Non so te, ma io…

ENZO     Che c’è?  Su, parla!

DUCKY   Non so se lo posso dire. Mi vergogno un po’.

ENZO     Avanti non temere…stiamo trattando di studi, indagini, statistiche. I piedi…forse non c’è altra parte del corpo che susciti sentimenti tanto contrastanti. Allora, Duc, su…

DUCKY   Lo dico…a me piace l’incavo dei piedi…dove deporrei anche dei piccoli bacetti…anche solo lambendo. Che resti tra noi uh, per carità.

ENZO     Io no, preferisco altri punti di eccitazione  più noti: come ho già detto, per certuni sono disgustosi e maleodoranti, per altri possono essere un irresistibile oggetto di attrazione. Anzi, in certi casi si parla di feticismo, che è una perversione. Il normale sta nella giusta misura dei toccamenti e dei baci “offerti-espressi-donati- con la sensibilità e col garbo di un vero e romantico amante.

DUCKY   Sei indiscutibilmente preciso, chiaro e gustoso!

ENZO     Smettila, sempre pronto con le ruffianate. La VOCE…LA VOCEEE…

DUCKY   Perché strilli? Sei diventato matto?

ENZO     Questa la devi capire bene…: la voce è importante, oltre che per l’uomo,  anche per la donna. Sebbene non ha lo stesso impatto di quella dell’uomo, anch’essa contribuisce al fascino femminile. Una parentesi “due o tre mesi fa ricevetti una telefonata da una donna…ebbene…la sua voce mi sembrò molto suadente…passarono pochi secondi per riconoscerne l’appatenenza: però mi piacque e mi sorprese.” Detto questo, posso dire che voci “fascinose” sono:  quella originale di Marilyn Monroe e quella della doppiatrice italiana, che tanti conoscono nei film proiettati nel nostro Paese, e quella di Valeria Marini: voci che sanno d’innocuità e arrendevolezza.

DUCKY   Quella di Marilyn  mi scalda il cuore e l’anima e mi stuzzica  un certo prurito…oltre a farmi ridere spesso.

ENZO     E’ esattamente quello che provo anch’io.

DUCKY   Senti, Enzo, facciamo una cosa diversa dal solito?

ENZO     Che vuoi combinare, Duc?

DUCKY   Ho letto una poesia di Goethe, l’ho trovata molto romantica, con uno stile che rassomiglia al tuo modo di poetare.
La leggeresti come un gradevole omaggio a tutte le Ciucciottine che vorrebero il loro Amato vicino?. Il titolo è appunto VICINO ALL’AMATO:

ENZO     Con molto piacere!

DUCKY   Con piacere anche mio, vai!

VICINO ALL’AMATO
Penso a te quando il bagliore del sole
s’irradia dal mare;
penso a te quando il barlume della luna
si specchia nelle fonti.
Vedo te quando per via lontano,
si solleva la polvere;
di notte quando sul ponte sottile
trema il viandante.
Ascolto te dove con cupo scroscio
l’onda s’innalza;
nel bosco quieto vado spesso e origlio
quando tutto è silenzioso.
Sono vicino a te, pur se tanto lontano
Tu mi sei accanto.
Cala il sole; tra poco brilleranno le stelle.
Se tu fossi qui adesso!

ENZO     Ecco, stasera pago tutto io. E…tranne quel tuo  sfogo iniziale, ti sei comportato in modo esemplare.

DUCKY   Troppo buono, grazie… ma sempre tanto scombinato!
Fine

ENZO




Foto presa dal web...anche questa bionda non è male eh?!...bwuahahahaha