sabato 29 settembre 2012

VEDREMO UN FILM..


Ciò che io chiedo a un film è
di aiutarmi a fare il successivo.
(Gianni Amelio)


Un colpo di coda della stagione estiva ormai archiviata solo secondo il calendario . . .                                                                                                               Tra uno sbuffare ed un agitare di ventagli, meno male che le sale cinematografiche fanno ancora funzionare i condizionatori !                                                                                                       Quindi, appuntamento al cinema più vicino, sempre con la migliore compagnia . . . 

da venerdì 28 settembre

Reality
Garrone firma una potente commedia tragica, tra Pirandello e Orwell.


Regia di Matteo Garrone. Con Aniello Arena, Loredana Simioli, Nando Paone, Graziella Marina, Nello Iorio.                                                                                                                                            Genere drammatico – Italia 2012 – Durata 115 minuti circa.
Luciano è un pescivendolo napoletano che per integrare i suoi scarsi guadagni si arrangia facendo piccole truffe insieme alla moglie Maria. Grazie ad una naturale simpatia. Luciano non perde occasione per esibirsi davanti ai clienti della pescheria e ai numerosi   parenti. Un giorno, spinto dai familiari, partecipa a un provino per entrare nel “Grande Fratello”. Da quel momento la sua percezione della realtà non sarà più la stessa…



 ELLES

Profondo percorso nella psiche e nella sessualità di una donna “arrivata”                                                                                                                                                                         Un film di Malgoska Szumowska. Con Juliette Binoche, Anais Demoustier, Krystyna Janda, Louis-Do de Lencquesaing, Ali Marhyar.
Genere : Drammatico – Francia, Polonia, Germania 2011 – Durata 96 minuti circa.
Anne ha un marito, due figli, una bella casa a Parigi. Anne è una giornalista del magazine "Elle" per il quale ha recentemente condotto un'inchiesta intervistando due studentesse che si prostituiscono. L'incontro con la polacca Alicja e con la francese Lola (che poi le rivelerà di avere un altro nome) la turba profondamente. Mentre un mattino sta tentando di trasformare le interviste in un articolo e intanto prepara la cena che vedrà come ospiti il capo del marito con sua moglie, quanto confidatole in quegli incontri si rivela sempre più perturbante.

Resident Evil : Retribution

Una parabola degli eventi quasi ridicola che soffoca l’umanizzazione della protagonista.
Un film di Paul W. S. A nderson. Con Milla Jovovich, Ali Larter, Michelle Rodriguez, Sienna Guillory, Kevin Durand.                                                                                                                      Genere : Azione – Germania, U.S.A. 2012 – Durata 128 minuti circa.
Girato in 3D e 4K, il film inizia dove era finito il film precedente, sul ponte dell'Arcadia. Ci sono 3 tipi di zombi: "Russians", "Las Plagas" e quelli di Tokyo. Il look degli zombie è più realistico questa volta, ce ne sono di più ma si muovono in piccoli gruppi. Alcuni vecchi personaggi, che erano morti, sono tornati in vita grazie all'Umbrella, la quale lavora anche alla clonazione.

Appartamento ad Atene

Opera prima e dolente di Ruggero Dipaola, cinema da “camera” che indaga l’incarnazione del male.
Un film di Ruggero Dipaola. Con Laura Morante, Richard Sammel, Gerasimos Skiadaressis, Vincenzo Crea, Alba De Torrebruna.                                                                                                                                                         Genere : Drammatico – Italia 2011 – Durata 95 minuti circa.
Nel 1943, ad Atene, un appartamento viene requisito per ospitare un ufficiale tedesco. Nell'appartamento vivono gli Helianos, una coppia di mezza età un tempo agiata. Hanno un ragazzo di dieci anni, animato da melodrammatiche fantasie di vendetta, e una bambina di dodici. Con l'arrivo del capitano Kalter, tutto è cancellato. Metodico, ascetico, crudele, Kalter è un dio-soldato che impone il terrore. E gli Helianos si sottomettono, remissivi. Sono servi, adesso, senza altra identità che la loro acquiescenza.

L’era glaciale 4 – Continenti alla deriva.

Al quarto giorno di giostra, le avventure del bradipo e del mammuth non smettono di divertire.
Un film di Steve Martino e Mike Thurmeier. Con Nick Frost, Ray Romano, John Leguizamo, Denis Leary, Queen Latifah.                                                                                                                  Genere : Animazione – U.S.A. 2012 – Durata 94 minuti circa.
Manny, Sid, Diego, Ellie e Scrat sono stati completamente ghiacciati, ma un museo dei giorni nostri decide di esporre i nostri eroi non sapendo che in realtà sono ancora vivi.

The Five – Year Engagement

Come rimandare un matrimonio per cinque anni
Un film di Nicholas Stoller. Con Jason Segel, Emily Blunt, Alison Brie, Rhys Ifans, Chris Pratt.                                                                                                                                                                  Genere : Commedia – U.S.A. 2012 – Durata 124 minuti circa.
Il film racconta la storia di due fidanzati promessi sposi che sono costretti a rimandare all'infinito la data di nozze a causa delle circostanze della vita. Il film si propone di analizzare - in maniera divertente e leggera - i rapporti di coppia e mostrare come si possono complicare le cose (e si può arrivare a mettere in discussione tutto, relazione compresa) in un lungo periodo di tempo come, appunto, i cinque anni di fidanzamento del titolo. Produce la ditta Apatow: una garanzia.

. . . da giovedì 4 ottobre . . .

The Apparition

Una ghost-story che parte in maniera efficace ma che punta più all’effetto che alla costruzione narrativa.
Un film di Todd Lincoln. Con Ashley Greene, Sebastian Stan, Tom Felton, Luke Pasqualino, Julianna Guill.                                                                                                                                         Genere : Horror – U.S.A. 2011 -
Una presenza terrificante entra nella casa di una giovane coppia, perseguitandola. Kelly e Ben scoprono che la causa scatenante è stata l'evocazione avvenuta durante esperimento di parapsicologia all'università e chiamano in loro aiuto un esperto di fenomeni soprannaturali. Il suo intervento giungerà in tempo per placare la furiosa presenza?

Ted

L’orsetto troppo adulto e l’uomo che non vuole crescere: ironia e sarcasmo per tutti, nessuno escluso.
Un film di Seth MacFarlane. Con Mark Wahlberg, Mila Kunis, Seth MacFarlane, Joel McHale, Giovanni Ribisi.                                                                                                                         Genere : Commedia – U.S.A. 2012 – Durata 106 minuti circa.
Il film racconta la storia di John Bennett, un uomo adulto che, in seguito all'esaudirsi di un innocente desiderio infantile, ha portato in vita il suo caro orsacchiotto di peluche. Quasi 30 anni dopo, la favola ha raggiunto livelli inaspettati. Ted è riluttante a lasciare l'ormai cresciuto John...senza contare l'avversione che prova la paziente fidanzata di John, Lori Collins. Inoltre la situazione è resa più grave dal vicolo cieco in cui si trova la carriera di John e dal suo trascorrere i giorni fumando erba e bevendo birra insieme a Ted. Quando John capisce di dover affrontare quella cosa chiamata età adulta, sarà proprio l'inaspettato aiuto del suo giocattolo d'infanzia a trasformarlo da uomo bambino a uomo maturo.

Step Up 4 Revolution 3D

Un nuovo capitolo danzereccio con numeri scatenati e ambientazioni sfavillanti.
Un film di Scott Speer. Con Kathryn McCormick, Ryan Guzman, Stephen Boss, Chadd Smith, Jessica Guadix.                                                                                                                                                                 Genere : Musicale – U.S.A. 2012 -
Miami, quartiere popolare della città. Sean è il capo della misteriosa banda The Mob, che organizza flashmob nelle zone più esclusive della città per attirare l'attenzione della gente e tentare di diventare famoso. Il ragazzo incrocia la strada con la bella Emily, che è arrivata in città per coronare il suo sogno di diventare una ballerina professionista. Però Emily è anche la figlia dello speculatore edilizio che ha deciso di radere al suolo i luoghi storici di Miami per costruire edifici e hotel sempre più esclusivi.

Padroni di casa

Un film dalla sceneggiatura fragile ma con un buon cast e un’ottima direzione degli attori.
Un film di Edoardo Gabriellini. Con Valerio Mastandrea, Elio Germano, Gianni Morandi, Valeria Bruni Tedeschi, Mauro Marchese.
Genere : Drammatico – Italia 2012 – Durata 90 minuti circa.
Italia oggi. I fratelli Cosimo ed Elia, due giovani velleitari imprenditori edili, giungono da Roma in un remoto paesino dell'appennino Tosco-Emiliano per realizzare una ristrutturazione nella villa dell'unico possidente dell'area: il popolare cantante Fausto Mieli. Mieli si è ritirato dalle scene e vive in quel paese ormai da più di un decennio con la moglie Moira, costretta da una malattia su una sedia a rotelle. Mieli è amato e al contempo odiato dalla comunità locale. A giorni, in paese, si terrà il suo concerto rentrée. Nel frattempo, la goffa e inconsapevolmente arrogante presenza di Cosimo ed Elia nel borgo genera fastidio e suscita l'ostilità dei maschi locali. Adriana, la bella del paese, è fortemente attratta da Elia e in segreto sogna di fuggire via con lui. Il conflitto che si sviluppa con l'arrivo degli «stranieri» produce conseguenze terribili e inattese nella vita di tutti i protagonisti e della comunità.

Un sapore di ruggine e ossa

Un film a tinte forti, temperato da una scrittura in levare
Un film di Jacques Audiard. Con Marion Cotillard, Matthias Schoenaerts, Armand Verdure, Céline Sallette, Corinne Masiero.
Genere : Drammatico – Belgio, Francia 2012 – Durata 120 minuti circa.
Ali si deve occupare di Sam, 5 anni. E' suo figlio ma lo conosce appena. Senza casa, senza soldi e senza amici, Ali va a stare da sua sorella ad Antibes. Lì all'improvviso va tutto meglio, sua sorella li ospita nel suo garage, si occupa del bambino e c'è sempre il sole. Dopo una rissa in un locale notturno, il destino di Ali si incrocia con quello di Stéphanie. L'accompagna a casa e le lascia il suo numero di telefono. Lui è povero; lei è bella e molto sicura di sé. Una principessa. Sono l'una l'opposto dell'altro. Stéphanie addestra orche in un parco acquatico. Lo spettacolo notturno si trasforma in dramma e una telefonata nel cuore della notte li fa ritrovare. Quando Ali la rivede, la principessa è costretta su una sedia a rotelle: ha perso le gambe e molte illusioni. Ali aiuterà Stéphanie con semplicità, senza compassione, senza pietà. Lei tornerà a vivere.

All’ultima spiaggia  
                                                                                                      Un nuovo improbabile reality
Un film di Gianluca Ansanelli. Con Dario Bandiera, Aurora Cossio, Alessandro Di Carlo, Carmine Faraco, Antonio Giuliani.                                                                                                           Genere : Comico – Italia 2012 -
La tv lancia un nuovo reality: vince il più disperato d'Italia. In un paese all'ultima spiaggia si presentano in migliaia. Le loro storie raccontano sempre una forma di precariato: lavorativo, familiare, sociale, perfino sentimentale.


Un giorno speciale

Un film sui giovani che si affida a due interpreti efficaci.                                                                                                                              
Un film di Francesca Comencini. Con Giulia Valentini, Filippo Scicchitano.
Genere : Commedia – Italia 2012 – Durata 89 minuti circa.
È il primo giorno di lavoro per Gina e Marco. Lei ha appuntamento con un politico importante che dovrebbe aiutarla ad entrare nel mondo dello spettacolo, lui è l'autista che l'accompagnerà all'incontro. Non si conoscono ed in comune hanno solo la giovane età e la voglia di farcela a tutti i costi. Non si conoscono ma il politico, rinviando continuamente l'appuntamento, offre loro l'occasione di trascorrere insieme questo "giorno speciale", di scoprirsi l'uno con l'altra e di ritrovare il valore delle loro giovani vite.


Buona visione a tutti . . . 

da Maria !

venerdì 28 settembre 2012

TERREMOTO EMILIA: I SOLDI DEGLI SMS ANCORA NON SONO ARRIVATI


Gli Emiliani non

 hanno

bisogno

della solidarietà

a parole

dei vari politici 

ma dei soldi

per ricostruire!!!





I soldi donati dagli italiani attraverso i messaggi telefonici ancora non sono arrivati a destinazione bloccati da un lungo iter burocratico e in attesa che i Governatori dell’Emilia, della Lombardia e del Veneto trovino un accordo sulla ripartizione del denaro.





Mesi di promesse. Il 20 maggio il presidente della Regione Vasco Errani parla di tempi rapidi per i fondi. Gli fa eco due giorni dopo Mario Monti, che però viene fischiato. Il 23 giugno è ancora governatore dell'Emilia Romagna che parla di tempi rapidissimi". La stessa cosa ha fatto due giorni fa. Ma i sindaci dei paesi colpiti dal sisma sono in rivolta: "Le chiese e le case non si ricostruiscono con le promesse"

Trasparenza, fondi in arrivo, tempestività. Le promesse formulate dal commissario Vasco Erraniormai non convincono più i sindaci emiliani, alle prese con la ricostruzione post terremoto. Nonostante il piano casa, avviato il 28 agosto con un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Emilia Romagna, il patto per le aziende e la riapertura delle scuole in strutture temporanee, prevista per il mese di ottobre, i soldi non ci sono ancora. “Non abbiamo visto un euro”, spiega il sindaco di Finale EmiliaFernando Ferioli, “arriveranno” spera Rudi Accorsi, primo cittadino di San Possidonio. I 2,5 miliardi di euro stanziati dal governo, di cui 500 milioni previsti per il 2012, a quattro mesi dal terremoto non sono ancora arrivati, così come mancano all’appello i 15 milioni di euro raccolti con quegli sms solidali che, dal 29 maggio, gli italiani hanno generosamente versato, a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma. E le casse dei comuni si svuotano velocemente. 

no censura


Annamaria... a dopo


giovedì 27 settembre 2012

UNA MELA O UNA PERA AL GIORNO TIENE LONTANO IL RISCHIO ICTUS


Interessante ricerca olandese condotta dalla Wageningen University spiega in che modo il frutto proibito della tradizione cristiana possa giovare alla nostra salute...


“Una mela al giorno toglie il medico di torno”, recita un vecchio e saggio proverbio. In che modo il frutto proibito della tradizione cristiana possa giovare alla salute lo spiega oggi una ricerca olandese della Wageningen University: il consumo giornaliero di mele, ma anche pere e verdura bianca (per esempio porri, finocchi, rape e cavolfiori) tiene lontano l'ictus, riducendone il rischio addirittura del 52 per cento. Diretti e coordinati dalla dottoressa Linda M. Oude Griep, gli scienziati olandesi hanno tenuto sotto controllo per dieci anni il regime alimentare di oltre 20 mila persone adulte, uomini e donne con un'età media di 41 anni. Per approfondire il rapporto tra cibo e malattie cardiovascolari, a distanza di tempo i partecipanti hanno compilato un lungo questionario rivelando abitudini consolidate e nuovi stili di vita.


 
I risultati della ricerca e le considerazioni finali degli scienziati olandesi sono state riportate sulle pagine della rivista scientifica “Stroke”, una delle pubblicazioni dell'American Heart Association: le persone colpite da ictus durante il periodo d'osservazione sono state 233, con un'incidenza decisamente inferiore della malattia – e dunque un rischio minore del 52 per cento – tra chi consumava regolarmente frutta e verdura bianca. «Mangiare una mela al giorno – ha spiegato la dottoressa Griep – è un modo semplice per tenere lontano l'ictus. Questa constatazione, del resto, non esclude l'importanza degli altri tipi di frutta e verdura, capaci di proteggere il nostro organismo da diverse pericolose patologie e malattie croniche».






... arriva anche la notizia che, oltre alla mela, soprattutto per noi donne , basta un bicchiere di vino o birra al giorno per levare di torno... la minaccia ictus!


Le donne che bevono fino a sette bicchieri di vino o birra a settimana hanno meno probabilità di subire un ictus. E' quanto emerso da uno studio statunitense che ha monitorato migliaia di donne per quasi 30 anni. I risultati della ricerca, promossa dal Brigham and Women Hospital di Boston, sono stati pubblicati sulla rivista Stroke. "Non vogliamo incoraggiare le donne che attualmente non bevono ad iniziare a farlo - ha detto Jimenez Monik, a capo della ricerca - perché l'alcol è comunque un'arma a doppio taglio: assunto a livelli più alti può aumentare la pressione arteriosa e la fibrillazione atriale, fattori di rischio per l'ictus che conosciamo bene. Ma vogliamo smentire i tanti allarmismi diffusi intorno all'assunzione di alcol".

Jimenez e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati del Nurses Health Study che ha seguito la dieta e la vita di più di 83mila donne di età media di 26 anni. Delle circa 25mila donne che non avevano mai bevuto, circa il 4 per cento ha avuto un episodio di ictus. Contro il 2 per cento delle oltre 29mila donne che avevano assunto fino a mezzo bicchiere al giorno. Prendendo in considerazione altri fattori di rischio per l'ictus, come il fumo e il sovrappeso, la ricerca ha rilevato che assumere fino a un bicchiere pieno al giorno porta ad una probabilità del 17-21 per cento in meno di avere un ictus.


Annamaria... a dopo


PENSIERO DI OGGI






Ogni momento è un nuovo inizio.


 La mia 


vita è buona.



Si ride, si piange










HAIKU di LORENZO

     ‎(religioni)

fonti d'amore
e rispetto per tutti
non di violenza

Il nostro Paese continua ad occuparsi di spread e debito.








mercoledì 26 settembre 2012

IL GUSTO DI NUTRIRSI...IN SARDEGNA - 2° PARTE

COSTA SMERALDA


 Vi ho già raccontato del mio soggiorno in Sardegna questa estate, manifestandovi le svariate emozioni sensoriali che mi hanno pervasa . . . Ebbene, stavolta vi voglio descrivere una ‘chicca’ davvero deliziosa . . .





Le seadas


 Si tratta di una tipica preparazione sarda che unisce due ingredienti importanti della gastronomia isolana: il formaggio di pecora e il miele di castagno. Un’esperienza di gusto unica, ve lo assicuro! Da assaporare ben calde e accompagnate da un Malvasia di Cagliari o da un Dorato di Sorso. Un pizzico di storia . . . Le Seadas, chiamate anche Sebadas, sono uno dei dolci sardi più famosi nel mondo. Originariamente considerate come un secondo piatto, sono tipiche della tradizione pastorale: nei secoli passati, infatti, era tradizione che le donne, vestite a festa, le offrissero ai loro mariti quando in Primavera questi rientravano con le pecore dal lungo periodo trascorso nelle pianure sarde.



 Una piccola curiosità . . . Il nome “Seadas” deriva dalla parola dialettale sarda seu, un grasso animale usato per fabbricare candele, la cui lucentezza ricorda quella donata a questo dolce dal miele e lo zucchero. Riporto la ricetta classica che vi consentirà di ottenere una vera leccornia ! Ingredienti : Per l’Impasto : 250 g semola fina di grano duro - 1 uovo - 1 cucchiaio di strutto - 1 presa di sale - olio d’oliva per friggere q.b.





 Per la farcia e finitura : 250 g di formaggio pecorino (o misto) fresco grattugiato - scorza di 1 limone e di 1 arancia non trattati - 100 ml di Filu ‘e ferru, acquavite tipica sarda (facoltativo) - miele di castagno q.b. zucchero a velo q.b. Preparazione :



 Preparazione:                                                                                                                                                                 impastate la semola con l’uovo e con qualche cucchiaio di acqua calda nella quale avrete sciolto il sale, aggiungendo gradatamente lo strutto. Alla fine dovrete ottenere un impasto elastico e liscio che poi stenderete in una sfoglia sottile, dalla quale dovrete ricavare dei dischi di circa 10-12 cm di diametro. Per la farcia : mescolate con un mestolo di legno il formaggio grattugiato con le scorze degli agrumi, fino ad avere un composto liscio. Se volete potete aggiungere un po’di grappa sarda. Farcite la metè dei dischi di pasta con questo impasto, poi ricopriteli con l’altra metà dei dischi non farciti, sigillate bene i bordi e rifiniteli con il tagliapasta a rotella. Scaldate bene l’olio in un ampia padella e friggete poche seadas alla volta; sgocciolatele su carta assorbente e poi trasferitele subito su piatti individuali o su un piatto da portata. Servite le seadas ben calde e cosparse di miele e/o zucchero a velo.



 . . . un consiglio . . . Per evitare che le seadas si aprano, facendo fuoriuscire il ripieno durante la cottura, sigillate bene le estremità della pasta inumidendo leggermente con dell’albume d’uovo uno dei due dischi. Friggete sempre in abbondante olio e sgocciolate bene ogni frittella. Buon Gusto a tutti … da Maria !




IL MIRTILLO NERO


CIAO AMICI, COME VA? VISITANDO IL NOSTRO BLOG ,COME OGNI MATTINA, MI HA COLPITA PARTICOLARMENTE L'ARTICOLO SUI MIRTILLI SCRITTO DA MARIA.  
VORREI AGGIUNGERE CHE IL MIRTILLO NERO (IO NE FACCIO USO PER LA MACULOPATIA) E' OTTIMO PER CURARE L'ATEROSCLEROSI,CATARATTA,DIABETE MILLITO,DIARREA,INSUFFICIENZA VENOSA,RETINOPATIA,E TANTE ALTRE PATOLOGIE. BASTEREBBERO ANCHE 30 mm AL GIORNO.CERTO CHE LE RICERCHE FARMACOLOGICHE VANNO AVANTI , MA LE PROPRIETA' DI MOLTE PIANTE O FRUTTI SONO RIMEDI NATURALI E NON DANNEGGIANO. 



Le proprietà del mirtillo nero 
Il mirtillo nero è quello maggiormente ricco di principi salutari. Infatti contiene zuccheri e molti acidi, in particolare l’acido citrico (che protegge le cellule) ma anche l’acido ossalico, l’idrocinnamico e il gamma-linolenico. L’acido ossalico è quello che conferisce il classico sapore asprigno del frutto; l’acido idrocinnamico è molto efficace perché è in grado di neutralizzare le nitrosammine cancerogene (prodotte nell’apparato digerente in conseguenza dell’ingestione di nitrati); l’acido gamma-linolenico invece è molto utile al sistema nervoso perché previene la nefropatia diabetica.

 Ma non è tutto: il mirtillo nero è particolarmente ricco di acido folico (una vitamina molto importante per le varie numerose funzioni che svolge) e contiene tannini e glucosidi antocianici, i quali oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e ne rafforzano la struttura. Le antocianine infine, presenti in grandi quantità, rafforzano il tessuto connettivo che sostiene i vasi sanguigni e ne migliorano l’elasticità ed il tono. Riescono in tal modo a svolgere un’azione antiemorragica nonché contro i radicali liberi. Tutte questa sostanze poi favoriscono e aumentano la velocità di rigenerazione della porpora retinica, migliorando la vista specialmente la sera, quando c’è poca luce.

MIMMA

INCONTRO DI FINE ESTATE


Il RENDEZ-VOUS DELLE  CIUCCIOTTINE!

ENZO     Però…che bello!

DUCKY   Cosa?

ENZO     Le amiche  marchio-Eldy si sono incontrate nel Milanese, a Paderno Dugnano.

DUCKY   Lo so.  E fanno bene: l’amicizia virtuale e reale è sempre creativa, eccitante per chi desidera “incontrare qualcuno o qualcuna.

ENZO     …ma rilassante per chi non ha velleità erotico-sentimentali.

DUCKY   Mo se ti sentiva OB…

ENZO La suora mancata?

DUCKY   Non scherzare, Enzù,  potrebbe prendersela…direbbe che tu pensi sempre a quello…o a quella.

ENZO     Lei è stata in convento…porca miseria…se l’avessi conosciuta prima della crisi religiosa…

DUCKY   Comunque, l’amicizia si deve mantenere, è bene che ogni tanto ci sia un “raduno” per ritrovarsi…vedersi…abbracciarsi…farsi vedere…

DUCKY   …che vuoi dire con “farsi vedere”?

ENZO     Chi resta costante nel peso, chi aumenta e chi si alleggerisce. Sono curioso?

DUCK     Si capisce!

ENZO     Dimmi un po’, ma tu non hai un desiderio, un vezzo, chessò…uno sfizio…su, Duc!

DUCKY   Quello di fare un ballo con tutte le Ciucciottine del gruppo…un ballo cheek to cheek…da consumare una mattonella…e sentire…i segnali del linguaggio del corpo.

ENZO     …mi fai ridere…e sai perché…tu vorresti sentire le vibrazioni del corpo…faresti meglio a sentire i segnali della mente.

DUCKY   Anche a nome tuo, auguro tanti incontri d’amicizia, gastronomici e perché no…anche sentimentali.


 VIVA
 L’AMICIZIA!

ENZO     EVVIVA!



Grazie Enzo per questo tuo "commentino" simpatico che merita di essere evidenziato....ma ...mi spieghi da dove ti nasce la considerazione che io mi sia data ai voti ? . L'ammmore si vive e non va sbandierato. Noi ciucciottine ,a riguardo ,siamo molto piu' discrete  rispetto a voi maschietti...o no? Vuoi farci un articolo ? Dai aspettiamo!







ANNAMARIA, MARIA

Poche ore talvolta bastano a compensare mesi...è quello che ho provato nel rivedere oggi alcuni degli amici lombardi con i quali a marzo scorso abbiamo condiviso un incontro a Vicenza e poi ad Abano in visita dalla cara Natalina. 
NATALINA

La mia cocca (Annamaria!!) ha colto l'occasione della mia breve incursione a casa sua, per riunire alcuni eldyani (e non solo), ben felici di venire in trasferta a Paderno Dugnano...



Eccoli che scendono dalle auto... abbracci, baci, sorrisi, strette di mano (e che strette!): Daniela e Carlo, Rosa di Milano e Rosa di Brescia, Maria di Milano con Lidia, Vanni, Mariateresa, Silvio, Edoardo con la consorte Alba... una brigata spumeggiante!

Ci portiamo rapidamente al ristorante giapponese dove prendiamo al volo, dal nastro trasportatore, pietanzine niente male, divertendoci da matti.

Al parco, poi, a giocare come bambini con gli scivoli: Maria, le due Rosa, Daniela e Terry, si cimentano nel tunnel... che brave!
Al bar per un'altra sosta ristoro, per prolungare la compagnia che sappiamo dovrà sciogliersi... domani è lunedì...riprende il lavoro, io partirò per rientrare a Salerno.


E' stata una giornata allegra, che solo è volata via troppo in fretta: però sono le cose brevi ma intense che lasciano un ricordo più significativo!!



Eccoci ai saluti...ciao a tutti, a presto rivederci, e...io, a Salerno, vi aspetto, nè!!!  


MARIA E ALBA


MARIA & ANNAMARIA



martedì 25 settembre 2012

LAUREN ODES , LICENZIATA PER IL SUO SENO


Quando  le tette  prosperose possono essere più un ostacolo che un vantaggio...

 Una ventinovenne statunitense, (LAUREN ODES, nella foto sopra ) più precisamente del New Jersey, è stata licenziata a causa del suo seno giudicato troppo provocante e sexy, motivo per il quale , dopo aver cercato dei compromessi con il datore di lavoro , alla fine è stata licenziata.
La ventinovenne lavorava in un negozio di intimo a Manhattan, dove, a detta dei suoi superiori, a causa del suo portamento troppo eccitante, finiva per distrarre i clienti, a causa di un corpo troppo appariscente: in modo particolare, il datore di lavoro rimproverava alla ventinovenne di non aver posto rimedio al suo aspetto, nonostante i continui consigli per evitare l’inconveniente.

Tra le tante proposte che la ragazza statunitense si è sentita dire, una su tutte era particolarmente stravagante: il datore di lavoro, infatti, le ha proposto di vestirsi come tutte le altre dipendenti, ma a causa delle tette troppo provocanti, anche questa soluzione non ha funzionato e, allora, la ventinovenne si è sentita consigliare di indossare un accappatoio, soluzione non condivisa dalla giovane donna.
È a quel punto che la Lauren ,di fronte alle continue richieste, ha deciso di acquistare un maglione: ma mentre si stava recando a comperarlo, sempre secondo il suo racconto, il datore di lavoro l’avrebbe chiamata sul cellulare per comunicarle il licenziamento con effetto immediato, lasciando più che stupefatta la giovane commessa.
La statunitense maggiorata, non ha accettato in alcun modo questa decisione dei suoi superiori e, parlando della vicenda, ha riferito di aver l’intenzione di trascinare in tribunale il datore di lavoro, per fargli causa, giacché la stessa ritiene di essere stata licenziata in modo discriminatorio, a causa del suo modo di vestire e, soprattutto, a causa del suo seno prosperoso.

Annamaria...a dopo


PENSIERO DI OGGI





Le decisioni prese durante


 questa giornata



 saranno le corrette.


 Io voglio solo ciò che ha di 



darmi la vita.














HAIKU di LORENZO

     (comunismo e capitalismo kaput)

un capitale
che non crea lo sviluppo
muore ogni giorno

Il capitalismo trionfante sul comunismo mostra la corda e muore.