sabato 18 maggio 2013

VEDREMO UN FILM...


La vignetta del giorno





La vita è fatta di separazioni ma la cosa peggiore è . . .  
non avere l'attimo giusto per dirsi addio!
 Da - Vita di Pi -  Pi Patel




Anche questa settimana un ventaglio interessante di proposte cinematografiche, nelle sale da oggi.                                                                     



Il grande Gatsby      
                                                                                                                           

Un cast di stelle per una storia d’amore ambientata nella New York degli anni ’20.                     
Regia di Baz Luhrmann. Con Leonardo Di Caprio,Tobey Maguire, Carey Mulligan, Joel Edgerton, Isla Fisher.                                                                                                         Genere Drammatico – Australia, U.S.A. 2013 – Durata 142 minuti circa.
Nella primavera del 1922, l'aspirante scrittore Nick Carraway lascia il Midwest per trasferirsi in una New York dominata dal jazz e da un allentamento delle rigide norme morali. Inseguendo il suo grande sogno americano, Nick entra in contatto con il mondo del plurimilionario Jay Gatsby, un tempo amante di sua cugina Daisy, andata poi in moglie al nobile e donnaiolo Tom Buchanan.



AmeriQua                                                                                                                                    

Bobby Kennedy III omaggia l’Italia
Regia di Marco Bellone e Giovanni Consonni. Con Robert F. Kennedy III, Alec Baldwin, Catherine Mary Stewart, Alessandra Mastro Nardi.                                                                   
Genere Commedia – Italia 2013 – Durata 99 minuti circa.
Charlie Edwards è un giovane neolaureato di buona famiglia. Deve trovare la sua strada, costruire il suo futuro ma preferisce dormire e divertirsi piuttosto che affrontare l'incubo dei colloqui di lavoro. Messo alle strette dalla famiglia, con gli ultimi soldi ricevuti decide di comprare un biglietto aereo per l'Italia e inizia un viaggio al confine tra sogno e realtà. Derubato al suo arrivo, trova conforto nel nuovo amico Lele, l'autoproclamato re di Bologna che insieme ad una curiosa crew, lo porterà alla scoperta di usi e costumi italiani secondo particolarissimi punti di vista... Conoscerà Badoo, incontrerà la bellissima italiana Valentina e l'americana Vicky. Si appassionerà a tutto ciò che di bello l'Italia regala, compreso il buonissimo ragù bolognese, simbolo della tradizione familiare, da accudire come si farebbe con le persone amate. Storia fantastica dai tratti autobiografici, con Charlie - l'alter ego di Bobby Kennedy III - che dovrà affrontare balordi individui, paure nascoste e sfide impreviste. Un viaggio alla scoperta dei valori, dell'amicizia, dell'amore e di una terra generosa come solo l'Italia può essere. Oltre i pregiudizi, gli stereotipi e i falsi credo, un'avventura tutta italiana dal sapore americano. Qui un americano ha trovato il suo sogno.



Post Tenebras Lux   
                                                                                                                                         

Dalla città alla campagna
Regia di Carlos Reygadas. Con Adolfo Jimènez Castro, Natali Avecedo, Willebaldo Torres
Genere Drammatico – Messico, Francia, Paesi Bassi, Germania 2012
Juan e la sua famiglia si trasferiscono dalla città nelle campagne del Messico. Lì, godono e soffrono di un universo che concepisce l'esistenza in modo diverso. Juan si chiede se i due mondi siano complementari o se piuttosto, inconsciamente, non combattono per eliminarsi l'un l'altro.



A Lady in Paris                                                                                                                               

Con pudore e discrezione, una dichiarazione d’amore a Parigi e al cinema francese.

Regia di Ilmar Raag. Con Jeanne Moreau, Laine Mägi, Patrick Pineau, Corentin Lobet, Ita Ever.                                                                                                                                                                    
Genere Drammatico – Francia, Belgio, Estonia 2012 – Durata 94 minuti circa.
Anne lascia l'Estonia per andare a Parigi a occuparsi di Frida, un'anziana signora estone che vive in Francia da diversi anni, ma al suo arrivo si rende conto di non essere gradita. La sola cosa che l'anziana donna desidera dalla vita è l'attenzione che Stéphane, giovane amante di un tempo, ancora le riserva; mentre lui spera soltanto che Anne rimanga ad assistere Frida, anche se questa non è d'accordo. Questo conflitto che non la riguarda porterà Anne ad andare per la sua via.

. . . poi, da venerdi 17 maggio . . .

Beket                                                                                                                                                            

Sequel che rimugina nel già visto teatrale Aspettando Godot
Regia di Davide Manuli. Con Fabrizio Gifuni, Paolo Rossi, Roberto Freak Antoni, Luciano Curreli, Simone Maludrottu                                                                                                                                                                     Genere Drammatico – Italia 2008 – Durata 80 minuti circa
Freak e Jajà si trovano in una terra di nessuno, senza data né tempo. L'uomo non abita più il pianeta. Solo qualche strano personaggio sopravvissuto appare raramente. I due protagonisti si incontrano ad una fermata del bus in mezzo al nulla, senza conoscersi. Il bus arriva, ma non si ferma. Era il bus che portava a GODOT, il Dio che si è manifestato al di là della montagna sotto forma di sonorità musicale. Avendo perso il bus, Freak e Jajà decidono allora di cercarlo a piedi. Iniziano così un viaggio che farà loro incontrare i bizzarri personaggi che abitano questa landa. Troveranno un mariachi cantastorie, due attori che recitano Adamo ed Eva in mezzo ad un lago salato, un bambino che sembra il "magico" portavoce di Godot, un oracolo che vive sulla torre d'estrazione di una miniera abbandonata... ed infine una ragazza solitaria che vive sulle rive di un mare. Purtroppo però prima della fine del loro viaggio... Freak e Jajà troveranno la morte prima di arrivare al loro Dio...



. . . mentre da martedì 21 maggio . . . 

La grande bellezza    
                                                                                                                            

Toni Servillo ancora al servizio di Sorrentino.

Regia di Paolo Sorrentino. Con Toni Servillo, Carlo Verdone, Carlo Buccirosso, Sabrina Ferilli, Pamela Villoresi.                                                                                                                             
Genere Drammatico – Italia, Francia 2013 – Durata 150 minuti circa.
Ambientato e interamente girato a Roma, il film si avvale del sostegno del Fondo regionale per il cinema e l'audiovisivo della Regione Lazio. Soggetto di Paolo Sorrentino, sceneggiatura firmata dallo stesso Sorrentino con Umberto Contarello.

 

Fiamme di Gadda. A spasso con l’ingegnere  
                                                                                                  

Un film su Carlo Emilio Gadda, a quarant’anni dalla morte.
Regia di Mario Sesti. Con Maurizio Barletta, Pino Calabrese, Sergio Rubini, Fabrizio Gifuni,Paola Italia.                                                                                                         Genere Biografico – Italia 2012 – Durata 72 minuti circa.
Un gigante della letteratura italiana del '900. Una biografia carica di dolore, stupore, sgomento e incantamento per la vita. Uno dei più originali, sterminati e poliedrici laboratori linguistici della letteratura moderna: la silhouette dell'ingegnere più celebre della letteratura italiana è, da una parte, un menhir ciclopico che ha fatto della letteratura un universo nuovo, magmatico e sorprendente: un'impresa che, per certi versi, per vastità e radicalità è simile dal lavoro sulla lingua italiana di un Dante o di un Boccaccio. Dall'altra è un prisma monolitico attraverso il quale è possibile leggere le grandi configurazioni della nostra storia (la grande guerra, il fascismo, la ricostruzione, la nascita dell'Italia contemporanea ) ma anche della nostra soggettività (la scoperta dell'inconscio, la scissione dell'Io e i traumi dell'infanzia). Nei suoi racconti e nei suoi romanzi la scrittura produce quantità improvvise e vivide di drammaticità e comicità, affreschi grotteschi e meditazioni metafisiche, comicità popolare ed enigma psichico. 

. . . e da mercoledì 22 maggio . . .

Fast & Furious 6  
                                                                                                                  

Il sesto episodio della saga adrenalinica con Vin Diesel.
Regia di Justin Lin. Con Vin Diesel, Paul Walker, Dwayne Johnson, Michelle Rodriguez, Jordana Brewster.                                                                                                                                                          
Genere Azione – U.S.A. 2013 – Durata 130 minuti circa.
Da quando Dominic Toretto e l'ex agente Brian O'Conner hanno compiuto la rapina in Brasile e rovesciato l'impero di un boss malavitoso, hanno lasciato la loro banda con 100 milioni di dollari e sono spariti nel nulla. A lungo andare, però, non sopportano più la vita da latitanti. Intanto, l'agente Hobbs segue il caso di un'organizzazione di violenti piloti mercenari. Il capo della banda criminale è affiancato da uno spietato braccio destro, che si rivela essere l'amata che Dom credeva morta: Letty. Non avendo alternative, Hobbs contatta Dom e gli propone di rimettere insieme la sua squadra con l'obiettivo di fermare questa pericolosa organizzazione. In compenso, verranno assolti da tutti i loro crimini e potranno tornare a casa dalle loro famiglie.


Come sempre, buona visione a tutti . . . da Maria !

giovedì 16 maggio 2013

HO VISTO UN FILM . . .



CLOUD ATLAS


Vi avevo promesso le mie impressioni su un film che avevo intenzione di vedere proprio in questi giorni . . . ed eccomi qui a condividerle con voi.                                                                                                          
Vi assicuro che decidere di andarlo a vedere è stata cosa non facile, ma la curiosità e la grande attrazione che il cinema esercita su di me ha prevalso.                                                                                               
Perché tutta questa indecisione ? Per prima cosa la durata : 172 minuti!                                                                                          
Immaginavo già di uscire dalla sala ancora in posa da “seduta”, con l’impressione di non avere più l’uso delle gambe!                                                                                                                                                      
E invece, devo dire che le 3 ore sono fluite senza lasciare traumi di alcun genere . . . eh eh eh .


Eccovi una scheda sintetica di questa “smisurata” produzione.
Regia :  Andy Wachowski, Lana Wachowski, Tom Tykwer
Interpreti : Tom Hanks, Halle Berry, Jim Broadbent, Hugo Weaving, Susan Sarandon,
                   
Hugh Grant, James D’Arcy, Zhou Xun, Keith David
Genere : Fantascienza
Soggetto : dal romanzo di David Mitchell
Sceneggiatura : Andy Wachowsky, Lana Wachowsky, Tom Tykwer
Paesi : U.S.A. - Germania – Singapore – Hong Kong 2012
Durata : 172 minuti


Cloud Atlas significa “L’Atlante delle Nuvole” ; i sei protagonisti vivono in punti e momenti diversi del mondo e del tempo, eppure fanno parte tutti di un unico schema.
Nel corso di 500 anni le loro esistenze si troveranno legate dal filo sottile e inestricabile del caso; le conseguenze delle loro azioni e delle loro scelte si ripercuotono le une sulle altre attraverso passato, presente e futuro.
Le loro anime si spostano come nuvole, passando dal corpo di un notaio americano di metà Ottocento, giunto su un’isola del Pacifico per assistere ai tragici effetti del colonialismo, al giovane musicista che s’insinua nell’esistenza di un celebre compositore tra le due guerre mondiali. Da un’intrepida giornalista che indaga sull’omicidio di uno scienziato antinucleare in piena guerra fredda, a un editore inglese in fuga dai creditori nella Londra anni Ottanta, sino a un clone schiavizzato nella Corea del prossimo futuro, per arrivare infine all’alba del nuovo mondo, all’indomani dell’Apocalisse, e al suo primitivo e stupefatto abitante.
I sei personaggi si trasformano, vivendo avventure incredibili in un affascinante viaggio nella Storia del genere umano nella quale le azioni e le conseguenze delle nostre vite si intrecciano attraverso i secoli, mentre le nostre anime mutano cambiando per sempre il nostro destino.
Non viene trascurato nessun aspetto della “unanimità”, come uno dei personaggi del lontano futuro definisce il genere umano.                                                                                                                         
Razzismo, sesso, omosessualità, etica professionale, giornalismo reale, estro musicale, invidie, prevaricazioni, segregazione, crudeltà : tutti i sentimenti positivi e negativi, un’apoteosi di sapori, colori e atmosfere che emoziona, stordisce e finisce dove tutto era iniziato.                                                                                                               
Inizialmente il pensiero di seguire lo sviluppo di un fantaromanzo, eccessivo anche per quanto irresponsabilmente è costato (100 milioni di dollari ),
mi ha fatto temere un presuntuoso tentativo di stupire, appassionare, travolgere con gli effetti speciali degli eventi che si svolgono nel futuro (2144).
Questa parte in effetti è stata quella che meno mi ha coinvolto, ma ciò perché la fantascienza non è proprio il genere che preferisco.
Nel complesso l’insieme funziona, c’è genialità e infantilismo, fascino e disgusto; da recensioni lette, alcuni hanno addirittura dichiarato di averlo visto in due volte, non so se per non rimanere troppo tempo in un ambiente chiuso, piuttosto che per il timore di tornare a casa con la testa in fiamme !!
Io ho apprezzato la sorprendente compattezza, sia a livello visivo che sul piano narrativo, ho rilevato qualche atmosfera già vista in cult quali Blade Runner e Matrix.
Quello che mi trovo a condividere è la parabola unitaria sui destini degli esseri umani che si intrecciano nel tempo, ritrovandosi al punto di partenza : in effetti il film si apre e si chiude con la stessa scena . . . e non è un caso, né mancanza di fantasia!





. . . sempre buona visione a tutti da . . . Maria !

mercoledì 15 maggio 2013

I BAMBINI SONO ATTENDIBILI



PREMESSA: Quanto riportato è il frutto di conversazioni avute con amici-papà circa le difficoltà incontrate dai loro figli in diversi plessi scolastici che per correttezza ho trasformato in dialoghi avuti con i miei figli.

"Papà, ma Luca è cattivo vero?"

"E chi lo ha detto?"

"La maestra".

"Ma no, forse ha detto che in quel momento non si stava comportando bene".

"No, ha detto che è sempre cattivo".

"Forse non ha detto sempre".

"Però ha detto che è cattivo".

"L'avrà detto perché era arrabbiata. Voi siete tanti e può capitare che la maestra si arrabbia perché fate un po' i monelli".

"E pure io sono cattivo?"

"Nessun bambino è cattivo. Può capitare che uno non si comporta bene oppure fa i capricci o fa una monelleria allora noi grandi ci arrabbiamo".

"Però la maestra ha detto che Luca è cattivo".

"Anche le maestre sbagliano, può capitare. Si sarà confusa".

"Papà, ma la maestra ha detto che siamo tutti bastardi".

"Che cosa?"

"Sì, che lei adesso se ne va e così non la vediamo più".

"Ma hai sentito bene? Forse voleva dire che siete tutti testardi".

"No, no io sento bene guarda ho le orecchie pulite. Ha detto bastardi".

"Allora avrà sbagliato perché voleva dire testardi, che avete la testa dura perché non sentite quello che lei dice".

"Io sento bene papà".

"Ho capito. E pure io".

 Da http://mamma.pourfemme.it/ 

"Caro Ministro, sottosegretario, provveditore etc etc, come genitore dico che ne ho le tasche piene".

"Ma signor Papà, cosa è successo mai".

"Sicuramente ci sono tanti insegnanti bravi, buoni e belli (come quelli che ho avuto anche io in formazione), ma ce ne sono tanti altri che andrebbero radiati".

"Guardi signor Papà che in tutti gli ambienti ci sono sia quelli bravi, belli e buoni che quelli brutti e cattivi".

"Beh lo so ed è per questo che occorre un monitoraggio continuo, l'aggiornamento obbligatorio al di là delle ore scolastiche, e che ne so anche una supervisione periodica con uno psicologo".

"Addirittura signor Papà...e che faranno mai questi professori".

"Insegnano. I nostri figli li mettono a dura prova per 6/8 ore al giorno e varrebbe la pena che qualcuno monitori e sostenga il loro impegno emotivo e relazionale.

"Ma è una cosa difficile signor Papà".

"Formare bambini è una cosa difficilissima e uno Stato deve investire tutte le sue risorse per ritrovarsi un domani dei genitori che diano l'esempio, dei cittadini che rispettino le leggi o dei politici che lavorino per l'interesse comune".

"Ma i soldi non ci sono signor Papà".

"Ma neanche quando c'erano lo avete fatto. Per voi è normale che 20 bambini siano da soli per più di 4 ore con una insegnante e la compresenza sia un lusso da concedere per qualche ora al giorno? E se succede qualcosa? Ah è vero questo è il paese del dopp' arrubbat' mettimm' 'e canciell' e fierr".

"Signor Papà, lei non ha fiducia nelle Istituzioni. Ma non lo sa che i bambini non sono attendibili?"

"Questa è la scusa di chi in classe parla in dialetto, di chi dice ai bambini che sono cattivi, di chi per motivi personali si sfoga con loro o di chi li terrorizza perché li vuole come soldatini obbedienti non sapendoli gestire. E poi guarda caso queste cose succedono sempre o ai nidi o alla scuola dell'infanzia".

"Guardi signor Papà che la fantasia dei bambini non ha limiti e sono facilmente influenzabili".

"Infatti quando chiedo qualcosa ai miei figli gli faccio lo sconto del 30%, gli richiedo la cosa dopo qualche giorno o ancora non gli metto parole in bocca".

"Ecco. Vede che lei è uno bravo signor Papà".

"Sì, ma a lei non è mai capitato che i suoi figli le abbiano fatto fare una figuraccia dicendo che il loro papà fa sempre le puzze dal culo? Per istinto ho detto che non era vero, ma in cuor mio sapevo che quella era una verità da prendere con lo sconto".

"E quale sconto, signor Papa?"

"A tavola non le facciamo e poi raramente puzzano".



NOTA PERSONALE: Se sei un insegnante o un educatore o uno che lavora con i bambini e non hai pazienza o lo fai perché non hai trovato di meglio e senti che la situazione ti sta stretta, che ti fa rabbia e che non riesci a gestire la frustrazione allora ti prego cambia mestiere, fallo per quel briciolo di dignità che ti è rimasta.

Se sei un insegnante o un educatore o uno che lavora con i bambini e sei innamorato di questo mestiere e hai pazienza da vendere e pensi che lavorare con loro significhi essere attento ai particolari allora ti prego di fare attenzione al tuo collega, di contaminarlo positivamente, di invitarlo a restare a casa semmai e nel caso anche di denunciare. Grazie

Francesco Uccello  Mo te lo spiego a papà-

Annamaria... a dopo

SUSAN FIROZ , PRIMA RAPPER AFGHANA





Susan Firoz, 23 anni ha tolto il burqa ed ha sposato la musica, diventando la prima rapper afghana. Una sfida aperta, contro l'integralismo islamico , fino a diventare un simbolo per migliaia di donne afghane. Il suo primo singolo, "Hamsaya ha" ("I nostri vicini") parla del dramma dei rifugiati



Susan, però, deve fare i conti con le minacce ricevute dai talebani contro di lei e la sua famiglia e affrontare la loro rabbia. Questo è il prezzo che deve pagare per seguire la sua passione di sempre.

Secondo alcune fonti  sta spingendo contro le norme sociali e le barriere costruite intorno alle donne in Afghanistan con il suo talento, per la musica e le parole. 

Susan ha dichiarato ad un giornale locale Afghano: "Quelli che mi stanno minacciando, mi dicono  'Ti rapiremo e ti violenteremo " oppure i tuoi fratelli o un membro della tua famiglia. Sto affrontando un sacco di problemi  ". E ancora :

-Che cosa è successo al mio popolo, che cosa mi è successo e che cosa è accaduto nel nostro paese è la ragione per cui sono diventata una rapper. Voglio esprimere i problemi attraverso la musica rap, molto comune in molti altri paesi ma  una nuova forma di espressione musicale in Afghanistan. L'approccio con il rap è iniziato quando la mia famiglia viveva in Iran e nonostante le sfide ero felice con la vita. Soprattutto quando mi confronto con la vita di tante altre ragazze ,in Afghanistan, che non hanno il permesso di ascoltare musica. 

Susan , spera che un giorno sia ricordata come una delle più grandi pop star dell'Afghanistan.

In bocca al lupo Susan!! 

Annamaria...a dopo

martedì 14 maggio 2013

DIPENDENZA AFFETTIVA CON LA SINDROME DELLA CROCEROSSINA


Ecco un argomento caro a molte di noi, quello delle dipendenze affettive e delle co-dipendenze.
Legami con compagni problematici, con la convinzione di poterli salvare, pensando e sperando di  metterli in salvo ad ogni costo e soprattutto a costo della propria felicità. 



Le donne che ne soffrono rappresentano in toto la sindrome della crocerossina: di una donna profondamente altruista e sempre pronta ad aiutare gli altri. Quello che la frega però è che per dar sfogo alle sue peculiarità ha sempre e necessariamente bisogno di qualcuno da curare, accudire e a cui immolarsi. Qualcuno con problemi psicologici (con il vizio di bere, assumere stupefacenti o di giocare d’azzardo, ad esempio).



La crocerossina trascura se stessa perché tutte le sue energie sono impegnate nei confronti altrui. E quando l’"ammalato" sta meglio o addirittura guarisce, allora scoppia il dramma. Il pericolo è che la crocerossina non sappia più verso cui investire il suo tempo e le sue risorse. Peggio che mai, potrebbe venire abbandonata nonostante tutta la sua premura. Allora la crocerossina, pensando di non aver fatto abbastanza per essere amata e apprezzata, impiega le sue forze dieci volte di più per accudire l’altro ed evitare di essere abbandonata, oppure è costretta a rivolgere tutte le sue attenzioni ad un altro "paziente". In un modo o nell’altro, la relazione si conclude perché la donna in questione non può assolutamente permettersi di perdere il suo ruolo.

La crocerossina solitamente trova le sue origini in situazioni familiari svantaggiate (un genitore morto o sempre malato, ad esempio), in cui si è trovata costretta ad assumere le responsabilità degli adulti di casa. D’altra parte potrebbe essere anche colei che è vissuta con la mancanza di affetto da parte dei genitori che hanno avuto delle attese troppo alte nei suoi confronti e la sua svalorizzazione era l’anello caratterizzante della relazione . Per questo motivo la crocerossina ha una scarsa autostima e un estremo bisogno di avere sempre il consenso dell’altro. Vuole inoltre avere un partner che assomigli ad un uomo del suo modello familiare (spesso problematico), così da avere la possibilità di salvare almeno il nuovo arrivato, dato che non è riuscita a farlo con quello del nucleo di origine.

L’estremo investimento di energie e tempo e il proprio trascurarsi, non è altro che necessità di riempire il vuoto che è stato lasciato a queste donne durante l’età infantile e/o adolescenziale da figure familiari inadeguate che richiedevano, in un modo o nell’altro di essere accudite, anziché accudire.

Peccato che le strategie della crocerossina non portino altro che all’esaurimento, fisico e mentale, alla frustrazione e alla decadenza totale dell’autostima.

Questo tipo di dipendenza (meglio codipendenza), può svilupparsi anche negli uomini che si accompagnano sempre a delle compagne problematiche per cercare in loro le manchevolezze e i difetti della propria madre e tentare di correggerli così da demonizzare le sofferenze di quand’erano bambini.

Ma come detto più volte, la presa di coscienza di non riuscire a tenere delle relazioni sane, la volontà di uscirne e la richiesta di aiuto a persone esperte può portare alla guarigione, seppure sia un cammino estremamente duro.

Come scrive Robin Norwood, una delle principali esperte sulle dipendenze affettive “Nessuno può amarci abbastanza da renderci felici se non amiamo davvero noi stesse, perchè quando nel nostro vuoto andiamo cercando l'amore, possiamo trovare solo altro vuoto.”



Sorridiamo con i PUNTI DI VISTA NELLA COMUNICAZIONE  tra donne e uomini

L'ITALIANO DELLE DONNE

Si = No
Forse = No
Mi dispiace = Ti dispiacerà
Abbiamo bisogno = Voglio
Decidi tu = La decisione giusta dovrebbe essere ovvia
Fai come ti pare = La pagherai in seguito
Dobbiamo parlare = Ho bisogno di lamentarmi di qualcosa
Certo, fallo pure se vuoi = Non voglio che tu lo faccia
Non sono arrabbiata = Certo che sono arrabbiata, stronzo!
Sei cosi mascolino = Hai bisogno di raderti
Spegni la luce = Ho la cellulite
Questa cucina è così poco pratica = Voglio una casa nuova
Voglio delle nuove tendine = e tappeti, e mobili, e carta da parati
Mi ami? = Sto per chiederti qualcosa di costoso
Quanto mi ami? = Ho fatto qualcosa che non ti piacerà sentire
Ho il sedere grosso? = Dimmi che sono stupenda
Devi imparare a comunicare = Devi solo essere d'accordo con me


L'ITALIANO DEGLI UOMINI

Ho fame = Ho fame
Ho sonno = Ho sonno
Sono stanco = Sono stanco
Bel vestito! = Bella gnocca!
Cosa c'è che non va? = Non vedo perché ne stai facendo una tragedia
Si, mi piace il tuo taglio di capelli = Mi piacevano di più prima
Andiamo al cinema? = Mi piacerebbe fare sesso con te
Posso portarti fuori a cena? = Mi piacerebbe fare sesso con te
Posso chiamarti qualche volta? = Mi piacerebbe fare sesso con te
Posso avere l'onore di un ballo? = Mi piacerebbe fare sesso con te
Cosa c'è che non va? = Immagino che di fare sesso stanotte non se ne parla...
Ti amo = Facciamo sesso, ora!
Ti amo anch'io = Va bene, l'ho detto, ma ora facciamo del sesso
Parliamo = Sto cercando di fare una buona impressione su di te in modo che tu creda che sono una persona profonda e forse allora acconsentirai a fare sesso con me.


Annamaria... a dopo



DETTI E PAROLE NAPOLETANE N.13






“N” come . . . - NON pensavate mica che il vocabolario partenopeo fosse
archiviato ?!? -
Voglio aggiungere ancora alcune parole, in uso nel linguaggio tra i più amorevoli del mondo . . . anche quando non si parla proprio d’ammmre !!!

 ‘Nzevato
Qualcosa di unto, di scivoloso. Talvolta la “e”  viene sostituita dalla “i” , trasformando in ‘nzivato (che ricorda il “sivo”), con uguale significato.


‘Nziria

Il capriccio, il piagnucolio, la bizza fatta dal bambino. Deriva probabilmente dall’unione di “in” e ”ira”. Quindi è “andare in ira”= ‘nziria. Ci sono molti modi per dire la stessa cosa : zirria, zirra,zirruso, zirre, ‘nzeriuso.

‘Nzino
Significa “in seno” oppure nel “grembo”. Quando si dice “purtà ‘nzino” significa “portare in seno” e si può usare per indicare “portare in braccio”. Quindi si può dire : “Purtà nu criature ‘nzino” cioè “Prendere un bambino in braccio”. Deriva dal latino “in sinus” che vuol dire, appunto, in seno.

‘Nzisto

Persona spavalda, prepotente. Anche i bambini particolarmente vivaci si dice che sono ‘nzisti. Deriva dal latino “insistere” ed in particolare dal suo presente “insistens”.

‘Nzuvarato
Indica qualcosa di allappante, di gustoso da morsicare. Deriva da “suvaro ”, il sughero che, teoricamente, addentandolo produce una sensazione piacevole.


. . . dedicato a voi, ‘nzuccarati (zuccherosi, dolci)amici miei !





MARIA

lunedì 13 maggio 2013

PER LA FESTA DELLA MAMMA



Bellissima storia per l’anima di Bruno Ferrero. Il brano in questione è “Il conto”. E’ importante ricordare che l’amore è gratuito, se no, non è amore.

IL CONTO


Una sera, mentre la mamma preparava la cena, il figlio undicenne si presentò in cucina con un foglietto in mano.
Con aria stranamente ufficiale il bambino porse il pezzo di carta alla mamma, che si asciugò le mani col grembiule e lesse quanto vi era scritto:
“Per aver strappato le erbacce dal vialetto:
Euro 3.
Per aver ordinato la mia cameretta:
Euro 5.
Per essere andato a comperare il latte:
Euro 0,50.
Per aver badato alla sorellina (3 pomeriggi):
Euro 9.
Per aver preso due volte “ottimo” a scuola:
Euro 5.
Per aver portato fuori l’immondizia tutte le sere:
Euro 4. Totale: Euro 26,50.
La mamma fissò il foglio negli occhi, teneramente.
La sua mente si affollò di ricordi. Prese una biro e,
sul retro del foglietto, scrisse:
“Per averti portato nel grembo 9 mesi: Euro 0.
Per tutte le notti passate a vegliarti quando eri
ammalato: Euro 0.
Per tutte le volte che ti ho cullato quando eri
triste: Euro 0.
Per tutte le volte che ho asciugato le tue lacrime: Euro 0.
Per tutto quello che ti ho insegnato, giorno dopo
giorno: Euro 0.
Per tutte le colazioni, i pranzi, le merende, le cene e
i panini che ti ho preparato : Euro 0.
Per la vita che ti do ogni giorno: Euro 0.
Totale: Euro 0.
Quando ebbe terminato, sorridendo la mamma
diede il foglietto al figlio.
Quando il bambino ebbe finito di leggere ciò che
la mamma aveva scritto, due lacrimoni fecero
capolino nei suoi occhi.
Girò il foglio e sul suo conto scrisse: “Pagato”.
Poi saltò al collo della madre e la sommerse di baci.


Quando nei rapporti personali e familiari si cominciano a fare i conti, è tutto finito. L’amore è gratuito. O non è amore.
“In un giorno caldo, preparai dei coni gelato e dissi ai miei quattro figli che potevano comprarli per un abbraccio.
Quasi subito i ragazzi si misero in fila per fare il loro “acquisto”. I tre più piccoli mi diedero una veloce stretta, afferrarono il cono e corsero di nuovo fuori. Ma quando venne il turno di mio figlio adolescente, l’ultimo della fila, ricevetti due abbracci. “Tieni il resto” disse con un sorriso”.

Bruno Ferrero – A volte basta un raggio di sole.
A lui  basta un raggio di sole,  io persi il sole quando scomparve mia Madre:  scomparve  quando  le mancavano ancora molti anni da vivere. Mi amava come solo una madre sa amare.  Continuo ad amarla  ogni giorno, oggi  scrivo ricordandola con le lacrime che sto versando…poi mi soffermo …la penso…e la mia mano non digita più. Dò un lungo sospiro rammentando come era vestita nel sogno, quando mi apparve in un vestito costellato di fiori: era serena e quell’immagine di serenità mi acquieta l’anima.
Oggi, è la tua festa e io la vivo nel tuo ricordo. Ciao!

Il tuo Enzo

domenica 12 maggio 2013

ALLA MADRE DI TUTTE LE MADRI


ALLA MADRE SANTISSIMA




Madre di tutte le madri
Fa che ogni figlio vivente
Possa vivere, crescere e amare
La propria madre


Fa che ogni Madre vivente
Possa vivere, allevare e amare
Il proprio figlio


Fa che ogni madre in cielo
Non si stanchi di attendere
Il proprio orfanello  qui sulla Terra


Fa che ogni orfanello in cielo
Non si stanchi di attendere
La propria madre qui sulla terra


Madre santissima

Riscaldi il cuore a quella donna
Che  di un figlio
Ne fa un fagottino di carne
E lo abbandona in cassonetti fetidi


Fa che quel fagottino di carne
Possa perdonare in cielo
L’atroce gesto
E il cuore disperato di sua madre


ENZO