sabato 15 giugno 2013

L'ITALIA COLONIA DELLA GERMANIA


Lo dice Nigel Farage, europarlamentare inglese ed euroscettico. Il suo partito è secondo in Gb
Letta fa poco perché anche lui è telecomandato da Berlino 
da Italia Oggi


Enrico Letta? Non ho alcuna opinione su di lui. È un personaggio irrilevante. Un altro burattino. Nessuna offesa personale, per carità. Ma, oggi, chi è al potere in Italia non conta niente. Non comanda su nulla. L'Italia non è più uno Stato sovrano, ma una colonia della Germania».

In un'intervista a ItaliaOggi, Nigel Farage, leader e militante storico dello Ukip, il partito indipendentista britannico che vuole l'addio del Regno Unito a Bruxelles, nonché co-presidente, con il leghista Francesco Speroni, del gruppo Efd (Europa della Libertà e della Democrazia), che raccoglie i principali partiti euroscettici al Parlamento europeo, denuncia «il declino della politica italiana».

Dopo il trionfo alle Europee del 2009, quando era riuscito addirittura a superare i laburisti, imponendosi come seconda formazione politica del Regno, alle ultime elezioni amministrative, un mese fa, il suo partito ha registrato un nuovo, clamoroso boom, trasformando il voto in un avvertimento per la politica nazionale e per l'Europa. Un vero tsunami, che ora rischia di travolgere anche le prossime elezioni politiche.

In rete, gli anatemi contro l'euro, di Farage, carismatico quanto furbo, oltre che bravissimo a gestire i tempi del video, sono seguitissimi. E tra i suoi estimatori (oltre a milioni di donne inglesi, che secondo il Telegraph considerano Farage più affascinante di Cameron – perché la popolarità oggi è più sexy del potere, signora mia) non poteva mancare Beppe Grillo, che l'ha definito un «oratore straordinario». Una stima ricambiata, quella del leader del M5S per il politico britannico, e del resto Farage è definito da molti “il Grillo inglese”. Anche se, al di là dei toni infiammati e della comune avversione al progetto europeo, le posizioni dei due non sempre convergono.

Domanda. Proprio ieri il Financial Times si è scagliato contro Letta, definendolo “in letargo” e spronandolo a svegliarsi. Concorda con il giudizio del quotidiano?

Risposta. Purtroppo sì. Letta sta un po' dormendo, è vero. D'altronde, se sei un Paese membro dell'euro cosa puoi fare davvero? Assolutamente nulla. L'abbiamo già visto accadere con altri Paesi. Non importa chi è al governo, perché, tanto, non è quella persona a governare. L'incarico politico, come si conferiva ed era inteso una volta, non esiste più. Non sono gli italiani a decidere, né tantomeno il Presidente della Repubblica: è l'Europa. E se all'Europa un leader non piace, lo rimpiazzano.

D. Si riferisce alle dimissioni forzate di Berlusconi nel 2011?

R. Guardi, io credo che in politica, come nel calcio e nello spettacolo, arrivi il momento di ammettere a se stessi che è tempo di andare in pensione. Per il bene dell'Italia, per l'immagine del vostro Paese in Europa e nel mondo, spero che Berlusconi abbia giocato la sua ultima partita. Detto questo, la nomina di Monti a Presidente del Consiglio è stata l'azione più esecrabile che abbia mai visto dalla nascita dell'Unione Europea. Sconvolgente e vergognoso che un gruppetto di persone in Europa decida, secondo le loro convenienze per di più, chi deve guidare l'Italia. Un governo fantoccio. È stato un bruttissimo segnale. Ero disgustato. Come si sono permessi? Come lo avete permesso?

D. Ce lo chiede l'Europa, o meglio, la Merkel.

R. Proprio così. Viviamo in un'Europa dominata dalla Germania. L'Unione europea, che sotto un altro nome, dopo la Seconda Guerra Mondiale, era stata concepita per contenere il potere tedesco, oggi è controllata e tiranneggiata economicamente dalla Germania. Una situazione pericolosissima. E nessun Paese sembra avere la forza di ribellarsi. Anche se il sentimento antitedesco e antieuropeo sui temi economici cresce, come ad esempio in Francia. Ma c'è di più: l'Ue era stata disegnata per avvicinare i suoi popoli, un tempo divisi tra Est e Ovest. Invece ha creato nazionalismi. Oggi l'Europa è divisa tra Nord e Sud, e il razzismo e la xenofobia dilagano. A questo proposito vorrei ricordare che è stato su mia iniziativa che Mario Borghezio è stato espulso dal gruppo degli euroscettici al Parlamento europeo, dopo le dichiarazioni sul ministro Kyenge.

D. Ma lei pensa che l'Italia dovrebbe uscire dall'euro e dall'Ue?

R. Penso che Grecia, Spagna e Portogallo debbano uscire il più presto possibile dall'euro, se vogliono sopravvivere. Sull'Italia non ho certezze altrettanto forti. I vostri indicatori economici sono drammatici, è vero. Ma l'Italia versava in gravi difficoltà ben prima di entrare nell'euro, e, lasciandolo, non risolverebbe tutti i suoi problemi. Allo stesso tempo, uscire dall'euro permetterebbe al governo italiano di governare davvero, di non essere un governo fantoccio. E questo è fondamentale. Grillo ha ragione quando chiama al referendum sull'euro e sull'Ue, uno dei suoi cavalli di battaglia. È un dibattito necessario, se non altro per spingere gli italiani a prendere coscienza di cos'è davvero l'euro e cosa vi sta facendo. Per quanto mi riguarda, considero l'intera esperienza europea un totale fallimento.

D. Tra lei e Grillo c'è stima reciproca. Come giudica la débâcle del Movimento 5 Stelle alle ultime amministrative?

R. Credo sia naturale che un movimento partito dal nulla e arrivato al top in pochissimo tempo vada incontro ad alti e bassi. Quel 25% che Grillo ha preso alle politiche di febbraio, e che neanche lui si aspettava, denuncia la grande sete di cambiamento degli italiani. Una sete che non è stata soddisfatta. Ed è per questo che Grillo è stato punito dagli elettori alle amministrative: perché non ha tenuto fede alle aspettative di cambiamento che aveva creato e alimentato. Ma il partito è appena nato. Bisogna dargli tempo. Questa sconfitta, come pure le divisioni interne e l'incapacità di alcuni parlamentari, sono i classici problemi della crescita.

D. Molti però dicono che Grillo si sia stancato e cerchi una via d'uscita. Lei che ne pensa?

R. Voglio credere che non sia così. Grillo sta ricoprendo un ruolo molto importante nella politica italiana. L'Italia ha bisogno di un dibattito aperto e franco sul proprio futuro economico e politico. E il M5S oggi è l'unico che possa portare a questo dibattito.

Segnalato da TONINO

LE DIFFAMAZIONI CONTINUANO CONTRO ELDYNA: UN CHIARIMENTO.




ANNAMARIA: ciao Eldì, hai finito co' sti  sassi, mattoni? ( un grattacielo potevamo alzare... )



ELDYNA:... mi sento tanto  Beppe Grillo  .. ciao casaleggia mia.

.............................pausa alla Celentano......................................

ELDYNA: tranquilla Annamarì, sono alle battute finali, ormai. Dammi la possibilità ,ancora una volta, di precisare che non basta scrivere qui per chiarirsi. Anzi ! Qualche persona non ha capito una mazza e mette anche in dubbio le chattate pubblicate. Dunque, ho telefonato alla signora ARMIDA ( e ora si che ci conosciamo) tra l'altro è una bella persona molto civile ed educata , disponibile al confronto verbale. Si è scusata per quanto ha scritto nei miei confronti asserendomi che in effetti noi due non ci siamo mai conosciute prima di oggi.   La signora Armida  era stata informata in tutt' altro modo e si e' sbagliata nello scrivere . Finita qui ... Il signor pachino ,invece, deve lavorare sulla memoria ( e non solo.Davvero, la sua, una menzogna squallida) Poi, per quanta riguarda Riccardo, qualcuno cortesemente  gli spieghi dove siamo, cosa facciamo , chi siamo e  di cosa stiamo parlando...Detto questo ti riporto un commento ( l 'ennesimo) contro la mia persona . Sta tizia come era prevedibile ha solo colto l occasione, come Giulia.5.mi per mettersi nuovamente in mostra nella sua negatività.  Sfruttando come sempre velatamente, ma non troppo, la mia persona. 

franci: Mentre esprimo il mio dispiacere  per la salute di  Mimma e le faccio i miei più sentiti auguri di pronta guarigione o, quantomeno, di poter trovare una soluzione al suo problema legato alla vista, affermo che, per tutto il resto sono TOTALMENTE SOLIDALE e d'accordo con cio' che ha scritto Giulia, per cui non mi ripeterò. Chiedo solo alla persona (ritengo donna....) che ha pubblicato il suddetto scritto usando il nick di Mimma  perchè non hai usato il tuo nome come facciamo tutti noi che nulla abbiamo da nascondere e di nulla ci vergogniamo? Visto che parli in prima persona e concludi con una TUA frase aggiungendo MOLTI tuoi pensieri...negativi rivolti alle Onlus in generale e ad Eldy in particolare, abbi almeno il coraggio di firmarti, oppure.....  ???? -Franci (Francesca, quella che abbraccia tutti stritolosamente..!!)


 ...eh si, sono andata a Reggio Emilia A/R in una nano secondo...ma questa non ci fa...ci è!!! NON HO MAI USATO IL NICK DI NESSUNO, ma se lo pensa significa che l'ha fatto... solo una mente diabolica puo' arrivare a queste accuse.  L'amica MIMMA , puo' confermare che è stata lei stessa a mandare il mio scritto ,preso da questo blog  e che aveva solo uno scopo: AIUTARLA )...
Annamaria


ELDYNA:  ...Ocio...abbracci  viperosi...  in vista...Aggiornameto:
peccato...questa signora(?) Franci ha perso un'altra occasione per “Un bel tacer", per starsene zitta. (Sarà stata lei a mandarmi un "papiro" ,riferito al silenzio, inserito nei commenti di un post del 2009, dopo che ho reso pubblico ,in questo spazio, il suo "velenoso e calunniatore " commento...??mahh .L'avrà letto o solo copiato e postato? Opto per la seconda ipotesi, altrimenti non sarebbe stata pronta come un avvoltoio a scrivere quelle " porcherie"  contro eldyna, ma anche contro chiunque, dettate da cattiveria patologica ...si calmi che la vita è bella!  E un po'  si vergogni, almeno un po'.Altrimenti verra' "stritolata" dalla sua cattiveria.




Altro commento NON MODIFICATO!!

edis.maria: Mi spiace per Mimma che ricordo sempre combattiva e attiva in Eldy, sono dispiaciuta per la sua salute, e rammento le belle chiacchierate che con i suoi amici si dilungavano, il mattino presto ogni giorno, e mi stupisco come tutti questi " amici" siano scomparsi nel momento del bisogno. Purtroppo in chat non si può fare affidamento sulle " amicizie", ma non credo che ciò abbia a che fare con Eldy come struttura, ma piuttosto con il genere di persone. Mi associo a Giulia e Franci in tutto, e consiglio a tutti i frequentatori di Eldy di scegliere modi e maniere di critiche personali ,senza falsità .Comunque chi fa una rimostranza o una critica, deve aver il coraggio di presentarsi in modo chiaro e non nascondersi sotto un nik altrui.Auguro a Mimma di trovare un'Organizzazione che la possa aiutare il più presto possibile! Un abbraccio! (commento acidello anche questo, eh...e anche questa non ha capito na beata...qualcuno le dia delle spiegazioni...)

ELDYNA: Mi rimane solo felpan ... Lo lasciamo per ultimo 

ANNAMARIA: Ok cara. Dopo stop ! Anche perche' per qualche giorno non pubblicherò , come tu già sai. 

ELDYNA :Si cara , stacca un po' la spina e vatti a rilassa' con il tuo  ammmore ... 

ANNAMARIA:Gelosa?

ELDYNA: Io? Sei matta ? Il tuo ammmore è anche il mio...bwuahahahaha



Articolo del 13-06-2013
Ho dato davvero troppo spazio e importanza a quelle che ritenevo "stronzate" eldyane. Ma scava scava..qua la cosa si fa seria e presto la comunità eldy avrà "una sorpresa". Dopo questa chattata, che mi è stata recapitata stamane dall'amico anonimo, c'è da mettersi davvero le mani nei capelli nel leggere tante falsità, scemenze, cattiverie e astio...come mi disse, giustamente, l'amico Antò, circa 3 anni fa : scappa da quell'ospizio demenziale virtuale.(aveva ragione) Ed io aggiungo che mi pare piu' una SETTA.


rosa4.mi: BRAVA MIMMA TUTTI VEDONO IN ELDINA I MALI DI ELDIY MA NON SANNO CHE I MALESSERE DI ELDY STANNO ALTROVE,IERI SERA SI è SCATENATA UNA GUERRA CONTRO DI LEI  DIFENDIAMOLA PER QUELLO CHE POSSIAMO 
armida.ve: IO DIFENDO SOLO CHI CONOSCO..
riccardo2.co: NON HO PAROLE 
pachino: COSA TI SUCCEDE RICC?'
armida.ve: L'APPROCCIO CHE HO AVUTO IERI CON QUELLA TIPA, NON MI è PIACIUTO 
pachino: CON CHI,ARMIDA?
pachino: ELDYNA??
armida.ve: LA PRIMA VOLTA CHE LA LEGGEVO.. QUELLA ELDYNA.. E MI HA OFFESO
riccardo2.co: SPERO CHE MIMMA MI LEGGA E LE RICORDO CHE IO UNA IPOVEDENTE L'AVEVO INCASA, E NON DEVE DIRE A ME CHI e UN IPOVEDENTE
armida.ve: CI HA DEFINITI "COSIDDETTI AMICI DEL MATTINO"
rosa4.mi: ELDYNA NON ENTRA IN ELDY CHE è QUASI UN ANNO
pachino: IO AMICO DEL MATTINO SONO CONTENTO DI ESSERLO.AMICO DI CHI CI STA A DESSO E DI CHI CI STAVA PRIMA,,
riccardo2.co: NON SONO LEI ARMIDA ANCHE ADIS MARIA, UN'ALTRA BISBETICA CHE SPARA SENTENZE SOLO PER DARE ARIA AI POLMONI
angelo9.fi: ROSA LO DICI TU CHE NON ENTRA .CHISSA CON QUANTI NUOVI NIK    CHE LO FA................

rosa4.mi: E QUI CHE VI SBAGLIATE,IN ELDI VOLANO COPIAINCOLLA COME L"ARIA
riccardo2.co: IO SONO OFFESO SIA DA MIMMA CHE DA CHI HA SPARATO NEL MUCCHIO SENZA SAPERE NULLA DI NULLA
armida.ve: VERO.. RICC...
riccardo2.co: E DA OGGI CANCELLERO' TUTTE QUESTE PERSONE SIA DA ELDY CHE DA FB MIMMA COMPRESA
angelo9.fi: CHISSENEFREGA ROSA ...CHI HA LA COSCIENZA PULITA NON HA DA TEMERE NULLA..........
pachino: STIAMO LITIGANDO COME BAMBINETTI E NN CI RENDIAMO CONTO CHE ABBIAMO SUPERATO I 60,I 70 E QUALCUNO GLI 80 ANNI,CHE TRISTAZZA,,,
pachino: TRISTEZZA
angelo9.fi: PACHINO IO SONO UN GIOVANE........VECCHIO
rosa4.mi: RICCARDO ELDINA E' MIA AMICA,SOLO QUAL"ORA LA VEDESSI SBAGLIARE LA CANCELLO,PERCIO' TRANQUYILLO RICCARDO,IO SONO UN PO COME SAN TOMMASO
armida.ve: QUANDO UNO Eè ONESTO E LEALE. PAKI.. CI RESTA MALE  PARLO X ME..
riccardo2.co: 
pachino: STO PARLANDO DI CHI CERCA DI METTERE SOLO IL MALE QUA DENTRO,E PER ME' ANCHE SE NN LA CONOSCO E NEMENO CI TENGO,QUEELA ELDINA E' MEGLIO LASCIARLA DOV'E'
riccardo2.co: ROSA E DI QUSTO SCRITTO FAI PURE COPIA INCOLLA E TRASMETTILO ALLA TUA AMICA ELDYNA
rosa4.mi: INFATTI SE NON SE NE PARLASSE,LEI NON DOVREBBE DIFENDERSI,NON LEGGETE IL SUO BLOG E' NON VI FATE L"ANIMO CATTIVO.GLI STATE DANDO TROPPA IMPORTANZA
rosa4.mi: RICCARDO IO IL COPIA E INCOLLA NON LO SO FARE.MA TU PROPRIO TU NON DOVEVI DIRMI QUESTO
riccardo2.co: ROSA TUTTI QUELLI CHE SONO DALLA PARTE SUA SONO CONTRO DI ME, MI HA OFFESO DICENDO CHE SONO UN POCO DI BUONO LEI E IL SUO AMICO DI MERENDE
pachino: QUESTO SCRITTO RICC L'HO GIA SENTITO ALTRE VOLTE E MI DA FASTIDIO,,
riccardo2.co: NON AVETE ANCORA CAPITO CHE IL GIOCO E' METERCI TUTTI CONTRO TUTTI
pachino: IO DI MERENDE NN SONO AMICO DI NESSUNO,TANTO MENO IN ELDY,,

Mie riflessioni:

ARMIDA...MA CHI E' QUESTA ? MAI  LETTA DA NESSUNA PARTE!! ( mandata da  franci che non vuole esporsi per la sua innata presunzione di essere l'unica "invidiata" della chat?...ma io questa signora (franci) ho avuto modo di conoscerla bene  in occasione di una  vacanza  e non auguro a nessuno un'esperienza simile. Armida un consiglio : STAI ATTENTA ,per quanto hai dichiarato . La tua diffamazione è molto grave visto che non ci siamo MAI viste , sentite e scritte.

RICCARDO: MA SA DI COSA PARLA O SPARLA ...? MA CHI LO CONSIDERA? ENTRA ED ESCE DALLA COMUNITA, OFFENDENDO ORA QUESTO E ORA QUELLO

ANGELO: L'HO VISTO SOLO 1 VOLTA AD ASSISI IN OCCASIONE DEL 1 EVENTO.

PACHINO: VISTO SOLO UNA VOLTA ALL'OPEN DAY DI BERGAMO INSIEME ALLA MOGLIE( E MI HANNO FATTO UN SACCO DI COMPLIMENTI, DICENDOMI A CHIARE LETTERE DI RICREDERSI DALLE MALDICENZE SUL MIO CONTO DA PARTE DI UNA PERSONA) ED ORA, DICE DI NON CONOSCERMI. QUESTA E' VIGLIACCHERIA!!!

A QUESTO PUNTO E DOPO LA MAIL RICEVUTA DALLA PRESIDENTE ANNA BIANCO  NEI GIORNI SCORSI, CHE PER MOTIVI DI PRIVACY NON POSSO PUBBLICARE (DOVE CHIARAMENTE MI INTIMA A NON INTERFERIRE CON L'UTENZA ELDYANA) RITENGO CHE " SIA TEMUTA LA MIA PRESENZA" PERCHE' ,SICURAMENTE,  ALL'INTERNO DI QUESTA COMUNITA' OVER (PRIMA ERA SOLO UN SOSPETTO, ORA UNA CERTEZZA)) VI SONO "ADDETTI" CHE APPROFITTANDO DI MENTI LABILI,(IN PARTE LI AVETE LETTI SOPRA) FANNO LORO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO.  ...CHIUDEREMO QUESTO ARGOMENTO CON UNA PROSSIMA PUBBLICAZIONE RIFERITA A FELPAN, CHE PROPRIO QUALCHE GIORNO FA' HA TELEFONATO MINACCIANDOMI (COSA AVRA' DA NASCONDERE?...)  

venerdì 14 giugno 2013

GIA' LETTI MA SEMPRE GODIBILI -"IO TI TICKLINGO, TU MI TICKLINGHI?..."




ULTIMO APPELLO 





... pubblico le due foto inviatemi dal giovane lettore (37 anni, piu' o meno...) che a mio avviso sono " tanticchia" taroccate. Ma non sembra taroccata la sua passione per il solletico. 

ULTIMO APPELLO non c'e'bisogno che sia carina la solleticatrice..basta che sia appassionata di solletico! Anche l'eta'non ha importanza...

posso essere solleticato anche x 2 ore!mi e'capitato questo. ...ed essendo legato stavo impazzendo dal ridere :):):)
secondo me e'una tortura abbastanza raffinata: )


se interessate scrivetemi a solleticoterapia@gmail.com
no uomini grazie

SECONDO QUESTO LETTORE... SECONDO ME ,NO. AL SOLLETICO , PER IMPAZZIRE DAL RIDERE, PREFERISCO ALTRO....SCRIVETE, SCRIVETE, SCRIVETEGLI ,SE SIETE APPASSIONATE DI SOLLETICO.








Non avevo idea di cosa scegliere, oggi ,dei "vecchi" articoli che ogni tanto ripropongo. Ma aprendo la posta trovo il commento  di un ragazzo appassionato di  tickling... 
Ed è alla ricerca di una persona appassionata, come lui,  con cui ...ticklingare.
Carissimo lettore (ragazzo-carino) io ti consiglio di inviare anche una foto, potresti avere piu' canche di trovare risposte alla tua richiesta. Ciao! 




assolutamente si! Sono un ragazzo (carino) con un bel fisico e cerco appunto un appassionata di ticklingsolletico che soffro da impazzire! 

Articolo del 25/05/2013 






Avete sentito parlare del Tickling?



 Il termine  inglese lo fa apparire una pratica contemporanea (è diventato una moda) eppure, è una pratica sessuale dalle origini antiche e ammiratori in ogni epoca.
E' il solletico erotico capace di stimolare attraverso gesti lenti e delicati il desiderio del partner. Per quanto diverso dal solletico infantile, richiama la stessa voglia di divertimento,  Scoppiare in fragorose risate mentre si gioca sotto le lenzuola non è quindi così grave. I piccoli morbidi gesti che caratterizzano l'allegro gioco amoroso aumentano il desiderio, portando ad una completa liberazione della libido.



Lo scopo finale del solletico erotico non è necessariamente il rapporto fisico vero e proprio, quanto il raggiungimento di un'intimità e di una complicità di coppia fatta di divertimento, relax e risate. Nella pratica del tickling, oltre alle dita, è possibile ricorrere anche ad oggetti comuni capaci di accrescere la senzazione di benessere: piume, spazzole, forchette, biro, spazzolini da denti, foglietti di carta piegati come origami, lunghi capelli sciolti. Mani e piedi i punti più delicati da stimolare attraverso il solletico erotico.

 Nella cultura giapponese il solletico è considerato ,oggi, un preliminare fondamentale del rapporto sessuale.
L’antropologa e creatrice di gioielli erotici ,Betony Vernon, nel suo recente libro «The Boudoir Bible: The Uninhibited Sex Guide for Today» conferma che persino l’imperatrice russa Caterina la Grande, una delle donne dal temperamento erotico spregiudicato della storia, si faceva sfiorare dai servitori con ventagli di piume e che "nella storia del costume la zarina è stata la più grande fan del moderno tickling".





Annamaria...a dopo



IL BOOM DELLA SIGARETTA ELETTRONICA




La sigaretta elettronica somiglia a quella tradizionale, ma assicura di non provocare gli stessi danni. Anzi, promette di aiutare chi ha il vizio del fumo a smettere di fumare. Da quando è arrivata sul mercato, ma soprattutto negli ultimi tempi, attorno alle sigarette elettroniche si sono accesi dibattiti e discussioni: sulla sua efficacia reale e sulla possibilità che faccia male alla salute. Al momento, gli esperti sono divisi perché non esiste ovviamente una letteratura scientifica al riguardo (l'introduzione della sigaretta elettronica è troppo recente). Nell'incertezza, il ministero della Salute ne ha vietato la vendita ai minori di 18 anni. E il Consiglio superiore di sanità ne suggerisce il divieto nei luoghi pubblici. Ma i fumatori adulti cosa devono aspettarsi? Cerchiamo di fare chiarezza.



La sigaretta elettronica, l´e-cigarette come la chiamano gli inglesi, è davvero l´alternativa sana a quella tradizionale? Aiuta davvero a smettere di fumare? Questo dispositivo, che imita la sigaretta a cui siamo abituati, non ha bisogno di essere accesa con un accendino né contiene tabacco, ma nicotina pura o, in alcuni casi, solo aromi.
Inventata in Cina ora a produrla sono molte aziende europee e negli Stati Uniti e può essere acquistata facilmente anche online. 

Vediamo come funziona.


Come si accende. Il sistema di attivazione sono due: manuale o automatico. Nel primo caso bisognerà premere un pulsante posto sul lato della batteria, nel secondo si attiverà da solo nel momento in cui si mette in bocca e si inizia ad inalare.

Oltre ad una batteria, c´è una camera di vaporizzazione e una cartuccia. La batteria, l´estremità finale della sigaretta, fornisce energia all´atomizzatore, posto tra la cartuccia e la batteria stessa.

L´atomizzatore scalda il liquido che è contenuto nella cartuccia e questo si vaporizza ed esce dal buco posto sulla cartuccia che viene aspirato dal fumatore.
La sigaretta elettronica non brucia, non si consuma, non contiene catrame né tabacco e riproduce le sensazione che ogni fumatore cerca: il gesto, il fumo, la nicotina (che può essere presente in quantità variabili da alta a nulla), ma senza combustione.

Il prezzo.
in Italia è di 100 euro per i prodotti acquistati in farmacia, 90 sui siti specializzati online.


... può  aiutare a smettere di fumare la sigaretta elettronica?




Il vero nemico da abbattere per smettere di fumare non è la dipendenza dalla nicotina, ma il proprio bisogno di dipendenza che si manifesta nel vizio del fumo.



Lo aveva capito bene Allen Carr quando è riuscito a smettere di fumare i suoi dieci pacchetti di sigarette al giorno e ha scritto il libro: E’ facile smettere di fumare se sai come farlo, che è diventato un classico sull’argomento.



E’ relativamente facile disassuefarsi dalla nicotina, magari aiutandosi con i tanti prodotti naturali o chimici che esistono in commercio a questo scopo. E’ meno facile rinunciare a tutto ciò che la sigaretta rappresenta per ogni fumatore.


Che il bisogno di dipendenza sia primario, lo dimostra per esempio il fatto che spesso chi smette di fumare si rivolge suo malgrado verso forme di dipendenze diverse orientandosi senza soluzione di continuità su cibo, caramelle o altre sostanze.

Lo dimostra anche il fatto che la maggior parte dei fumatori inizia a fumare durante l’adolescenza, periodo in cui la sperimentazione, l’esplorazione e la ricerca di autonomia sono i must.

Quanto si è equipaggiati per l’autonomia, cioè quanto si può contare sulla solidità delle relazioni familiari, sul sostegno dei coetanei, del gruppo, di altri adulti di riferimento, si vede al momento del bisogno.

Meno risorse si hanno, più alto è il rischio di appoggiarsi ad altro.

Se relazioni familiari e sociali insicure e identità instabili sono il bagaglio con cui ci si affaccia al mondo, sarà più difficile affrontare le difficoltà della vita o magari ci si riuscirà al modico prezzo di una dipendenza. La dipendenza dalla sigaretta può rappresentare allora simbolicamente il fallimento del completamento del percorso verso l’autonomia affettiva.

Forse una forte spinta verso posizioni più adulte, di maggiore autonomia e/o responsabilità, può rendere insopportabile, come anche ormai inutile, la dipendenza dal tabacco. Penso a una paziente che si è trovata in una situazione simile dopo aver perso i genitori.

Chi vuole diventare non fumatore deve prendere consapevolezza anche di tutte le funzioni accessorie legate al fumo: la gestualità del tenere la sigaretta, la gratificazione che ci si illude di ottenere, la proprietà rilassante che erroneamente le si attribuisce: la sigaretta e il tabacco in verità non cambiano nulla nello stato d’animo, al massimo creano una sospensione o una distrazione per poi ritornare al punto di partenza se non peggio dopo averla finita.

Come sarebbe la vita senza sigaretta? la volontà è importante ed è importante costruire uno scenario del proprio futuro senza tabacco, e che sia uno scenario positivo affinchè smettere di fumare sia una conquista e non una rinuncia.  



Annamaria... a dopo


VEDREMO UN FILM...


“Se continuerai così, a nasconderti nella tua arte, nella tua tristezza, perderai veramente molto.
Perché la verità è che non c'è nulla di cui aver paura. E' solo vita. “
Dal film - One tree hill -






Sempre indaffarata , giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, non vi abbandono e anche  questa settimana vi presento i film in uscita nelle sale da giovedì 13 giugno . . . magari qualcuno festeggerà il suo onomastico proprio con la visione di una bella pellicola, seguita da una cenetta . . .









Una ragazza a Las Vegas

Regia di Stephen Frears, con Bruce Willis, Catherine Zeta-Jones.
Genere commedia  - Gran Bretagna, USA 2012 -  Durata 94 minuti circa.

Un gruppo di geni della matematica cinquantenni tenta di sbancare il sistema delle scommesse sportive di Las Vegas per arricchirsi. Tra loro vi è una giovane donna che ha ha fatto una serie di scelte sbagliate nella vita, ma troverà la redenzione dopo aver incontrato sul suo cammino i giocatori attempati.

Hates – House at the End of the Street   
   
                                                                                       
Regia di Mark Tonderai con Jennifer Lawrence, Max Thieriot.                              
Genere horror, thriller – U.S.A. , Canada 2012 – Durata 101 minuti circa.
Una giovane si trasferisce con la madre in una nuova città e scopre che la casa di fronte alla loro è stata teatro di un doppio omicidio. La situazione si complica quando la ragazza stringe amicizia con il solo sopravvissuto del massacro.

La leggenda da Kaspar Hauser        
 
                                                                           
Regia di Davide Manuli con Vincent Gallo, Silvia Calderoni, Claudia Gerini.                                                   
 Genere fantastico - Italia 2012 -  Durata di 87 minuti circa.
La leggenda narra di un ragazzo apparso improvvisamente dal nulla. Il corpo arriva galleggiando sulla riva di una spiaggia. È Kaspar Hauser, il Fanciullo d'Europa, erede al trono, fatto sparire per oscuri motivi di potere quando era ancora piccolo. Ma ora è tornato in questo luogo desolato e senza tempo dove abitano solo la Granduchessa, il Prete, il Pusher, la Veggente, lo Sceriffo e il Drago. Kaspar Hauser con il suo arrivo sconvolge gli equilibri di questo mondo lontano, isolato e in una dimensione atemporale. Lo Sceriffo lo accudisce e lo protegge nel suo fortino, ma Kaspar Hauser capisce ...

Il fondamentalista riluttante   
   
                                                                  
Regia di Mira Nair con Kate Hudson, Liev Schreiber, Sarah Quinn.                                            
Genere  drammatico – U.S.A. 2012 - Durata di 128 minuti circa.
Nel 2010, mentre imperversano le manifestazioni studentesche a Lahore, un giovane pachistano, il professor Changez Khan viene intervistato dal giornalista americano Bobby Lincoln. Changez, che ha studiato a Princeton, racconta a Lincoln il suo passato di brillante analista finanziario a Wall Street. Parla del luminoso futuro che aveva davanti, del suo mentore, Jim Cross, e della bellissima, sofisticata Erica, con la quale si preparava a condividere il futuro. All’'indomani dell’'11 settembre, il senso di alienazione e il sospetto con il quale viene improvvisamente trattato, lo riporta nella sua terra di origine e dalla sua famiglia, alla quale è ...

Monster & Co in 3D  
                                                                                                      Genere animazione  - U.S.A. 2012 - Durata 89 minuti circa .
                                                                                                                                              James Sullivan e il suo migliore amico Mike Wazowski lavorano in una rocambolesca "fabbrica" di mostri. La loro vita viene sconvolta quando una bambina proveniente dal mondo degli umani va a trovarli passando per una delle porte che usano di solito. Sara' il finimondo quando la bimba verra scoperta e i nostri due eroi cercheranno di riportarla sana e salva nel suo mondo, anzi nel suo dolce e caldo lettino!

Killer in viaggio

Regia di Ben Wheatley con Steve Oram, Alice Lowe, Tony Way, Monica Dolan.
Genere commedia – Gran Bretagna 2012 - Durata 88 minuti circa.
Tina e Chris sono due amanti ultratrentenni: perfetti rappresentanti di una qualche normalità suburbana, ma anche tardo-adolescenti mai cresciuti. Lei, ossessionata dalla morte accidentale del cagnolino Poppy, non riesce a staccarsi dalla madre che la riempie di sensi di colpa. Lui coltiva una solidità solo apparente, sotto cui covano improbabili ambizioni (sta scrivendo un libro, da completo dilettante) e una spaventosa aggressività. Il viaggio che i due decidono di affrontare lungo alcune tappe turistiche "strategiche" dell'Inghilterra rurale avrà, però, risvolti inaspettati...

Benvenuti a Saint-Tropez   


                                                                                        
Regia di Danièle Thompson con Eric Elmosnino, Luo de Laâge, Kad Merad, Monica Bellucci                                                                                                                                            
Genere commedia, romantico  - Francia 2013 - Durata 100 min.
I fratelli Zef e Roni non hanno niente in comune eccetto un anziano padre sempre più svampito e le rispettive figlie che si adorano. Religiosissimo uno, dedito ai piaceri della carne l'altro. Da Londra a Parigi, da Saint Tropez a New York, si susseguiranno le liti che faranno precipitare l'equilibrio della famiglia, già precario da tempo. Ma, dalle rovine, sboccerà una storia d'amore.

Niente può fermarci    
                                                                                                                                      
Regia di Luigi Cecinelli con Vittorio Emanuele Propizio, Federico Costantini, Vincenzo Alfieri, Guglielmo Amendola, Maria Chiara Augenti, Massimo Ghini, Gianmarco Tognazzi, Gerard Depardieu.                                                                                                                                      
Genere commedia  - Italia 2013 - Durata 90 minuti circa.
A Villa Angelika si incontrano i destini di quattro giovani affetti da varie patologie psicofisiche. Il narcolettico Mattia, l'internet-dipendente Augusto, l'ossessivo compulsivo Leonardo e Guglielmo, affetto da sindrome di Tourette, hanno scelto il ricovero in una struttura tranquilla per non dare ulteriori noie ai genitori, ma la routine di giornate troppo tranquille li spinge a elaborare un piano di fuga con destinazione Ibiza, capitale del divertimento.

Il Caso Kerenes     
                                                                                                                                     
Regia di Calin Peter Netzer con Luminita Gheorghiu, Bogdan Dumitrache, Ilinca Goia, Natasa Raab.                                                                                                                                  
Genere Drammatico – Romania 2013 - Durata di 112 minuti circa.
Focus sulla relazione tra una madre e il figlio trentaduenne. Dopo la morte di giovane in un incidente d'auto provocato dal figlio, la madre - una donna molto influente - tenta di scagionarlo dall'accusa e rifiuta di accettare il fatto che ormai lui sia un uomo adulto.

. . . da lunedì 17 giugno  . . .


U.S.A. contro John Lennon    
                                                                                                       
Regia di David Leaf e John Scheinfeld con Yoko Ono, Walter Cronkite, Mario Cuomo, Angela Davis.                                                                                                                        
Genere Documentario, musicale -  U.S.A. 2006 – Durata 99 minuti circa.
Un documentario sulla vita di John Lennon, incentrato in particolare sul momento in cui, da rockstar, si trasformò in attivista per la pace nel mondo.

. . . mentre da mercoledì 19 giugno . . .


L’esorcista   


                                                                                                                                      
Regia di William Friedkin con Ellen Burstyn, Max von Sydow, Jason Miller, Linda Blair, Kitty Winn, Lee J. Cobb.                                                                                                                                        
Genere Drammatico, horror – U.S.A. 1973 – Durata 122 minuti circa.
Ispirata ad una vicenda reale accaduta a Washington, è la storia di Regan McNeil, una ragazzina di 12 anni che viene posseduta dal demonio. Sua madre chiede ad un prete esperto in psichiatria di fare qualcosa...

Buona visione a tutti da . . . Maria !



giovedì 13 giugno 2013

I SASSOLINI NELLA SCARPA- rubrica di ELDYNA

13-06-2013 ore 20.35
Con estrema soddisfazione ho appreso , stamane, da Mimma che grazie al mio articolo, trasmesso anche in chat Eldy da Mimma stessa , è stato tempestivamente risolto il suo caso.Nel comunicato emesso da eldy sono state date sufficienti spiegazioni per poter permettere al figlio di installare la versione "sentiamoci in rete"...almeno questa è fatta. 
Tolgo il nodo!!!


11-06-2013 ore 20.37: Mimma mi informa che, finalmente, la direzione Eldy ha colto il mio appello ! Questo che andrete a leggere è il comunicato messo proprio oggi sul loro forum:


cercasi volontario…

ciao a tutti
per una nostra cara amica bisogna attivare la versione per Ipovedenti presso sua postazione di casa.
ci serve uno o piu volontari   ( di decenti competenze informatiche , ma non è difficile ) per installare e spiegare come funziona la versione Eldy per ipovedenti:
il software è già pronto, ed è visionabile da :  http://sir.eldy.org
luogo installazione: EMILIA (segue precisamente il posto)
quando: quanto prima
va installato Eldy per ipovedenti, jaws, e spiegato il funzionamento
i software è questo:
grazie a tutti quelli che vorranno collaborare
volontari, per favore email a info@eldy.org dal titolo : VOLONTARIO PER ELDY EMILIA


L'avevo pensato e scritto 
che si trattava di  una "svista".
Imitando gli amici Fabio e Mingo
 di "striscia la notizia" .........io Eldyna,
 prometto una 
provola ragusana 

al volontario che installerà il software
 alla nostra amica




PENSIERI


ANGOSCIA, NOIA,
SOLITE COSE DA FARE,
ASPETTI CHE ARRIVI LA SERA
PER CERCARE DI RIPOSARE,
GLI OCCHI STANCHI SI CHIUDONO,
ECCO, ORA SAI DI RIPOSARE,I
I SOGNI SI ACCAVALLANO,
TI AGITI, TI LAMENTI,
SPERI CHE PRESTO ARRIVI IL MATTINO MA,
PUNTUALE ARRIVANO I PENSIERI,
RICOMINCIA LA NOIA,
SOLITE COSE DA FARE,
ASPETTI CHE RITORNI LA SERA,
PER CERCARE DI RIPOSARE,
MA PUNTUALI RITORNANO I SOGNI,
E ANCORA ASPETTI CHE ARRIVI IL MATTINO...........


         MIMMA








Dedico questa pagina, SERIA , alla nostra amica  MIMMA PASCULLI , frequentatrice della chat Eldy fino a poco tempo fa' e collaboratrice del blog  nella sezione "poesie". Purtroppo, Mimma, con il progressivo calo della vista è stata costretta ad abbandonare la chat e il blog. Sia la direzione Eldy che molti suoi amici, frequentatori della community, l'hanno abbandonata . (come lei stessa mi ha riferito) Mimma, dopo ripetute richieste inviate alla direzione Eldy di inserimento al progetto" ipovedenti sentiamoci in rete" ,si è arresa non ricevendo MAI nessun riscontro. Forse questo sarebbe il momento di starle vicino e invece, come purtroppo accade : nel momento del bisogno, si è dimenticati da (quasi) tutti.  Mi auguro che gli amici che l'hanno  conosciuta ,anche personalmente, non si scordino di lei come invece ha fatto e continua a fare la direzione Eldy. Occhio...è il caso di dirlo, alle promesse (non mantenute) delle ONLUS, trincerandosi ,poi, dietro ai silenzi...



Dal sito della provincia 

di Vicenza:

http://www.provincia.vicenza.it/stampa/il-computer-parla-ai-ciechi-con-la-voce-di-eldy?set_language=en



Il computer parla ai ciechi con la voce di Eldy
— filed under: Innovazione, Pari opportunità
Sabato 21 è la Giornata del Braille. La Provincia mette on line il programma per aiutare i ciechi a usare la rete.

 Il computer parla ai ciechi con la voce di Eldy 
 In occasione della giornata nazionale del braille che viene celebrata il 21 febbraio, la Provincia ha presentato il progetto “Eldy ti parla”.

L’iniziativa è l’evoluzione del progetto “Sentiamoci in Rete”, ideato dall’Assessorato all’Innovazione della Provincia di Vicenza in collaborazione con l’Associazione Eldy onlus, che ha come obiettivo di abbattere le barriere virtuali che si frappongono fra alcune fasce della popolazione e l’uso degli strumenti tecnologici innovativi. Di qui la creazione di un software, Eldy appunto, che consente la navigazione in internet semplificata, con caratteri grandi, eliminazione degli anglismi, percorsi facilitati, casella di posta semplificata, accesso a chat protetta, ricerca guidata.

La prima versione aveva come destinatari privilegiati gli anziani. Guidati, in questo percorso di conoscenza del computer, da studenti appositamente formati grazie alla collaborazione di alcuni istituti scolastici superiori del vicentino.

Se la prima versione era destinata a utenti anziani o ipovedenti, ora si è realizzato il corrispondente software per  i ciechi, tramite il sintetizzatore vocale jaws.

“E’ un passo importante nel nostro percorso di lotta al digital divide –ha affermato l’Assessore Provinciale all’Innovazione Andrea Pellizzari- E’ dovere della Pubblica Amministrazione utilizzare gli strumenti innovativi che la tecnologia mette a disposizione, quale opportunità per un rapporto più immediato e trasparente con i cittadini. Ma è fondamentale rivolgersi a tutti i cittadini, anche e soprattutto a coloro che hanno disabilità, che potenzialmente sono coloro che potrebbero avere maggiori benefici dall’uso della tecnologia. E’ vero che dobbiamo correre per stare al passo con l’innovazione, ma è altrettanto vero che lo dobbiamo fare tenendo per mano chi ha difficoltà a camminare.”

Il software “Eldy ti parla” si può scaricare gratuitamente dal sito della Provincia.

Il progetto prevede anche la formazione di tutor volontari a cura dell'Associazione Eldy. Chi lo desideri potrà mettersi in contatto con l'Associazione Eldy . Mensilmente, a partire già dalla settimana prossima, si terranno corsi gratuiti aperti a tutti (per informazioni, tel. 331-4302861, mail: info@eldy.org).

“Sarà l’occasione per tanti giovani –ha sottolineato Anna Bianco, Presidente dell’Associazione Eldy- per aiutare altre persone ad essere più integrate nel mondo, creando una comunità in cui tutti, anche ciechi e ipovedenti, possono interagire e fare nuove amicizie. Inoltre quest’estate organizzeremo per tutti i volontari una cena al buio per sperimentare sulla propria pelle cosa significa vivere senza luce.”

Il progetto “Sentiamoci in rete” ha di recente ricevuto il Premio Handimatica per l'inclusione digitale ed è stato segnalato dall'Unione Europea come buona prassi nell'ambito dell'innovazione finalizzata alla lotta contro il digital divide. Inoltre è stato approvato dal Comitato di gestione del fondo speciale regionale per il volontariato (CO.GE.) all'interno del bando “Progetto disabilità 2007” ed è attualmente oggetto di tre tesi di laurea di altrettanti laureandi alla facoltà di Scienze della Comunicazione delle Università di Bologna, Roma e Milano.

In poco più di un anno, sono state distribuite circa un migliaio di copie del cd contenente il software Eldy, mentre altrettante sono state scaricate dal sito della Provincia di Vicenza e da quello dell’Associazione Eldy.

“I mezzi di comunicazione innovativi –ha dichiarato Francesca Biasiotto, Presidente dell’Unione Italiana Ciechi- rappresentano un enorme potenziale che ci viene messo a disposizione non solo per interagire con gli altri, ma anche per accedere a servizi in maniera comoda e veloce. Non tutti, però, siamo disponibili a farne uso, perché, chi per età, chi per disabilità, pensiamo che non siano strumenti adatti a noi. Invece sbagliamo, perché questi strumenti sono non solo adatti, ma anche utili a tutti. Per questo invito all’uso di Eldy e per questo la nostra associazione sta promuovendo il programma tra i suoi iscritti.”

Ci sarà pertanto anche Eldy domani ai Chiostri di Santa Corona, dove a partire dalle 9 si terrà un convegno dedicato al Braille a cura dell’Unione Italiana Ciechi.

“La Provincia –ha concluso l’Assessore al Sociale Maria Nives Stevan- ha dato il proprio patrocinio a questo convegno, convinta che i notevoli progressi compiuti nel campo della comunicazione non possano prescindere dalla formazione della popolazione, intesa nel suo intero. Il braille ieri, come il computer oggi, sono strumenti fondamentali per permettere anche a chi ha disabilità visive di essere parte attiva della comunità, trasformando un handicap in opportunità di sviluppo.”


 (da Ufficio Stampa con video a cura Ufficio Innovazione)



Chissà, magari è stata una "svista" e a breve ,Mimma, riceverà una risposta...io voglio essere  fiduciosa e ottimista, come sempre!


I SASSOLINI NELLA SCARPA -Eldyna-




 Bellissimo brano di Faber : una riflessione sulla fragilità dei rapporti umani, ma, nello stesso tempo, la necessità di averne e quindi sul senso di vuoto che nasce quando questi vengono meno o restano superficiali. Il risultato è una dichiarazione di amore-odio, di un borghese pentito alla propria gente.