sabato 26 ottobre 2013

IN GIRO ME NE VO' PER LA CITTA'






Come trascorrere il fine settimana a Milano e Torino.

Iniziamo questo week-end  con una buona azione.


Torna a Milano, infatti, la raccolta solidale per i senzatetto e per i poveri: coperte di lana e sacchi a pelo, cappotti e giacconi invernali.
L’appuntamento è per sabato dalle 9.30 alle 17. Qui trovate tutte le info.


Continuiamo a fare del bene? 

VOG, il Consorzio altoatesino delle mele Marlene, è partner dellaraccolta fondi promossa dai Lions con il patrocinio del Comune di Milano Consiglio di Zona 4 in programma domenica.
In 24 gazebo allestiti nelle principali piazze di Milano e provincia, tutti coloro che faranno una donazione riceveranno in omaggio una mela Golden Delicious Marlene.
Il ricavato dell’iniziativa andrà a sostenere due tra le più antiche associazioni assistenziali di Milano, ovvero l’Opera Cardinal Ferrari e Pane Quotidiano.


La cucina del Piemonte incontra a tavola, domenica, l’Argentina in omaggio a Papa Francesco. È l’appuntamento con il pranzo benefico che vede la partecipazione di otto grandi protagonisti della cucina italiana. L’iniziativa – a cura della Fondazione Opera San Francesco per i Poveri Onlus,  in collaborazione con Identità Golose – è in programma alla Mensa dei Poveri in corso Concordia 3 a Milano.


Organizzato dal Museo dei Martinitt e Stelline, torna sabato “Le strade della solidarietà”, il ciclo di passeggiate culturali che condurrà, attraverso un racconto itinerante per le vie di Milano, alla scoperta dei luoghi e storie della filantropia cittadina tra ’800 e ’900.
Le visite, della durata di circa tre ore, saranno il sabato mattina a partire dalle ore 10.00.



E dopo la solidarietà, pensiamo un po’ anche al nostro benessere e facciamoci una bella corsetta. Torna domenica una “classica d’autunno”, il trofeo Monte Stella, la gara podistica inserita nel Calendario estivo Fidal Lombardia, che come da tradizione sarà sulla distanza di dieci chilometri.
Il percorso sarà immerso nel verde parco di Trenno. Partenza e Arrivo da via Natta 11, nei pressi della montagnetta di San Siro.

Dopo una bella corsa e un po’ di calorie bruciate, potrete dedicarvi senza troppi sensi di colpa al buon cibo.


Sabato e domenica torna Vino&Dintorni. E Segrate si riconferma palcoscenico del gusto con la tredicesima edizione della rassegna enogastronomica, evento annuale all’insegna delle specialità d’Italia, dal Nord al Sud.
Due giorni di buona tavola: 70 espositori e 150 bancarelle con le migliori produzioni in fatto di sapori e tipicità, regione per regione, delizie tutte da assaggiare.


E se Segrate si riconferma, la ”Games Week” 2013-Upgrade Yourself, invece, cambia location: l’evento si svolgerà da venerdì 25 a domenica 27 al MiCo di Fiera MilanoCity tra viale Scarampo e viale Teodorico a Milano.


Non dimentica Enzo Jannacci, Milano: fino al 10 novembre allo Wow Spazio Fumetto ‘La mia gente - Enzo Jannacci, canzoni a colori’. Ingresso libero.



Facciamo ora un salto in Piemonte.

Tutti in carrozza, domenica, a Venaria Reale, alle porte di Torino: i Giardini della Reggia ospitano la ‘sfilata delle Carrozze Regali’.



Ad Alba (Cuneo) proseguono gli appuntamenti della 83esima edizione della ‘Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba’.

Per la prima volta a TORINO, invece, sabato e domenica presso il Palazzetto dello Sport LE CUPOLE di Via Emanuele Artom, arriva “Reptilia Expo”: un’occasione davvero unica per osservare da vicino numerosi esemplari di serpenti e rettili ma anche insoliti animali


Mahatma Gandhi

Acquistiamo il diritto di criticare severamente una persona solo
quando siamo riusciti a convincerla del nostro affetto e della lealtà
del nostro giudizio, e quando siamo sicuri di non rimanere assolutamente irritati se il nostro giudizio non viene accettato o rispettato. In altre parole, per poter criticare, si dovrebbe avere un'amorevole capacità, una chiara intuizione e un'assoluta tolleranza





Annamaria...a dopo

venerdì 25 ottobre 2013

ELDY: IO CERCO LA TITINA...

Ecco un aggiornamento riguardo ai contatti con l agenzia trentino famiglia . Mi viene riferito che, dopo vari tentativi di contatto, finalmente, una persona e' riuscita  a parlare con degli addetti .., inizialmente uno di questi e' stato diffidente pur confermando di conoscere Eldy e la sua presidente .
Enrico Neri non lo conoscono.
Aggiungendo ,inoltre, di essere all' oscuro del progetto.
Se c e' tutto questo alone di mistero e soprattutto se l associazione Eldy,  che sicuramente e' informata di quanto sta avvenendo riportando in queste pagine ogni notizia , insiste  a tacere, possiamo dare il significato che molti sospettiamo .
 Le cifre elargite all'associazione Eldy ,dai vari enti , chiese , case di riposo e con il 5 x 1000 ,sono molto elevate da non giustificare  il loro assenteismo e silenzio . Sospetto fortemente che l' anonimo offensivo sia uno dei soci che mal digerisce l intraprendenza dei cittadini onesti. 
Questo è quanto . C'è già un' inchiesta in corso che, vada come vada, alcuni di noi utenti ,che siamo passati da eldy abbiamo comunque ,nel nostro piccolo, cercato di capire cosa si nasconde dietro un comportamento cosi scorretto dei Soci...e ne abbiamo finora scoperto delle belle... siamo certi che onlus poco trasparenti, in Italia, ce ne sono parecchie.Ma è una magra consolazione per tutti. Cosi' come è deludente sentirmi dire da persone: "Si hai ragione da vendere, è tutto giusto quello che dici , ma io senza la chat non resisto ". Perchè nella chat di eldy in assenza di veri utenti si usa il metodo "dolly"...

Sottotitolo

" ndo' li metti ,li metti ", sempre vacanti  sono ( Anna Bianco & Soci))  non solo in Associazione ma anche negli Enti competenti.

"Ndo' stanno stanno" non sono mai riconoscibili................"



Avevo suggerito,  qualche articolo fa, di contattare uno o piu' uffici provinciali sotto elencati. 

ProvinciaVicenza-                                     
Provincia di Rovigo
Provincia di Venezia                                      
Provincia di Livorno
Provincia di Padova                                       
Provincia di Messina 
Regione Lombardia                         
Ministero del Lavoro 
Regione Friuli-Venezia-Giulia                
Consiglio Regionale Veneto
Ministero dello Sviluppo Economico               
Regione Lazio
Rai 3                                                    
Famiglia Cristiana
Guardia di Finanza di Venezia           

Guardia di Finanza di Milano



Piu' persone, compresa me, abbiamo telefonato al numero che trovate in questo link ,di cui riporto l'ultima parte della pagina.

http://famigliaenuovetecnologie.org/?q=node/216

"Per maggiori informazioni sul software si faccia riferimento al sito ufficiale http://www.eldy.org/ oppure all’Agenzia per la Famiglia, al numero telefonico 0461.494129 e all’indirizzo agenziafamiglia@provincia.tn.it."

Altro link che porta sempre allo stesso sito

http://famigliaenuovetecnologie.org/?q=node/96



Ebbene , piu' utenti abbiamo avuto lo stesso trattamento che la direzione  ha usato con la sottoscritta.
Alle nostre chiamate hanno risposto,  piu' persone e un responsabile .Al mattino conoscevano Eldy,  nel pomeriggio Eldy era a  loro sconosciuta. Inoltre ,gli utenti coinvolti in questa, diciamo cosi, "ricerca"  mi riferiscono che chi  ha risposto a "Trentinofamiglia" avevano fretta suggerendo  di rivolgersi al sindaco di Trento, Pacher. 
Ora, non essendo noi di Trento, siamo andati a controllare e ci risulta che l'attuale sindaco ha ben altro nome. E' grave non sapere chi è l'attuale sindaco della propria citta'!!!  Infine mi riferiscono ,anche, che tra le svariate chiamate c'è stata una  signora, molto gentile,  che ha accettato l'invito a dare il suo nome FEDRIZZI LUCIA . Ma anche lei dice di non conoscere Eldy. E...sfiga delle sfighe,  mentre era al tel aveva problemi con il pc e questo le impediva di controllare........ 

C'è stato chi ,gentilmente, ci ha detto di NON CONOSCERE ELDY ,altri  ci hanno sbattuto (letteralmente) il telefono in faccia. Ed io, per questo trattamento molto sgarbato, ho pure inviato una mail che riporto


Da:AnnamariaAdd contact
A:agenziafamiglia@provincia.tn.it."

E' davvero strano che chi di voi risponde al telefono riattacca e poi richiamando , subito dopo, non risponde piu'
Saluti


La persona che ha risposto al telefono al mattino e che subito dopo ha riattaccato conosceva bene Eldy, nel pomeriggio NESSUNO CONOSCEVA ELDY. Ma è mai possibile?...
Un utente eldyano ,che vuole rimanere anonimo, mi ha fatto sapere che anche lui ha ricevuto lo stesso trattamento NESSUNO CONOSCE ELDY e in piu' riattaccano senza nemmeno salutare. 


Dunque, la trasparenza, lascia come sempre a desiderare.
Buon sangue non mente... 
" NDO' LI METTI LI METTI ", sempre vacanti  sono ( Anna Bianco & Soci))  non solo in Associazione ma anche negli Enti competenti .
"NDO' STANNO STANNO" non sono mai riconoscibili................


Consiglio di provare a chiamare e fateci sapere.


(il progetto)
TRENTINO ALTO ADIGE 

TRENTO: PROVINCIA, NASCE PROGETTO 'ELDY' PER AZZERRARE DIVARIO DIGITALE 

    (ASCA) - Trento, 19 mar - L'eliminazione del digital divide e l'utilizzo dei principali programmi sono gli obiettivi del progetto Eldy, presentato a Tesero in val di Fiemme. Il progetto, spiega una nota della Provincia autonoma di Trento, e' rivolto ad una fascia di eta' medio-alta della popolazione ed ha lo scopo di fornire un approccio facile all'utilizzo del computer, grazie ad un'interfaccia grafica molto intuitiva, chiara e leggibile. ''La novita' piu' importante pero' riguarda - come ha sottolineato Italo Della Noce del Dipartimento innovazione e ricerca della Provincia autonoma di Trento - la presenza di ragazzi (nel caso di Tesero gli studente delle scuole medie) che in veste di insegnanti e tutor seguiranno gli anziani della Valle di Fiemme nel loro percorso di alfabetizzazione digitale''. 
    L'esordio di Eldy e' avvenuto in occasione della manifestazione Educa, tenutasi a Rovereto lo scorso settembre. Nel progetto sono stati coinvolti 25 studenti dell'Istituto Comprensivo di Rovereto nord, che per un giorno si sono trasformati in insegnanti ed hanno fatto da tutor ai loro nonni. Ogni nonno - affiancato dal proprio nipote - aveva a disposizione un computer con installato Eldy ed ha potuto toccare con mano la nuova tecnologia, imparando a navigare in internet, a mandare e-mail e a chattare. 
L'esperienza di Rovereto si e' conclusa con altre quattro ''lezioni'' tenute sempre dai 25 ragazzi coinvolti. 
A seguito di questa iniziativa, la Provincia Autonoma di Trento ha deciso di estendere l'utilizzo di Eldy sul territorio e in particolare a Tesero, in collaborazione con la Casa di Riposo del Comune di Tesero, il circolo anziani del paese e 12 ragazzi di una classe della scuola media locale. Presso la RSA e il circolo anziani sono stati installati alcuni totem - dotati sia di monitor touch che di tastiera - ed alcune postazioni pc con a bordo il software Eldy.

Quanto sopra  per dovere di cronaca.


Annamaria 

MARIA LA TRAPANESE...

Ecco Maria la trapanese,  una che non le manda a dire........non ridete por favor....(anche se non è facile). BRAVA MARIA CHE  ...PARLA CHIARO..."ATAFFINIRI PI' SEMPRI E NA' VOTA........ a modo suo dice cose giuste e condivisibili. Pubblico il video senza derisione alcuna.






Guardando quest' altro video, pero' , mi sorge il dubbio che dietro ci sia qualcuno che "abusa" della sua instabilita'.







Abbetttto Lipari, non hai capito che non ha mai fatto sesso? Perchè questo sfottimento?...............




Annamaria...a dopo

VEDREMO UN FILM...




“La gente spesso definisce impossibili cose che 

semplicemente non ha mai visto”.

dal film “Al di là dei sogni”




Mi sono trovata a riflettere sulla bellezza
del cinema, al suo modo per farci trovare di
fronte a delle crude realtà, ma anche a spingerci
a fantasticare e talvolta a sognare : cosa ancora
di grande valore, per avere una
pausa nella impegnativa quotidianità.
Troppo retorica? Vabbè, allora semplicemente 
ecco i film in sala da giovedì 24 ottobre !




The Seventh Son



Tratto dal libro di Joseph Delaney "L'apprendista del mago"

Regia di Sergey Bodrov. Con Julianne Moore, Jeff Bridges, Ben Barnes, Kit Harington, Olivia Williams. 
Genere  Drammatico  -  USA, Gran Bretagna  2014.

Tratto dal libro di Joseph Delaney "L'apprendista del mago", il film racconta l'apprendista de giovane Thomas, costretto a imparare a esorcizzare fantasmi, catturare streghe e imprigionare boggart da un potente stregone. Il suo apprendistato si trasformerà in una terribile avventura quando verrà indotto con l'inganno a liberare Mamma Malkin, la strega più malvagia della Contea.


Escape Plan – Fuga dall’inferno



Sylvester Stallone crea carceri a prova di fuga

Regia di Mikael Hafström. Con Sylvester Stallone, Arnold Schwarzenegger, Jim Caviezel, Vincent D'Onofrio, Vinnie Jones.
Genere  Azione  -  U.S.A. 2013.

Sylvester Stallone interpreta Ray Breslin, la principale autorità mondiale in materia di sicurezza strutturale. Dopo aver analizzato ogni carcere di massima sicurezza e appreso una vasta gamma di capacità di sopravvivenza riesce a creare carceri a prova di fuga ma le sue capacità vengono messe alla prova. Viene incastrato e incarcerato in una prigione che lui stesso ha progettato. Deve fuggire e trovare la persona che lo ha messo dietro le sbarre.


Cani sciolti

Due agenti sotto copertura alle prese con una rapina in banca

Regia di Baltasar Kormákur. Con Mark Wahlberg, Denzel Washington, Paula Patton, James Marsden, Bill Paxton. 
Genere  Azione  -  U.S.A. 2013  - Durata 109 minuti circa.

Due agenti sotto copertura sono impegnati ad impedire una rapina ad una banca. Il problema è che entrambi hanno ricevuto l'incarico da due diverse agenzie e non sanno dell'esistenza dell'altro.


La vita di Adele



Léa Seydoux e le scelte del cuore

Regia di Abdel Kechiche. Con Léa Seydoux, Adèle Exarchopoulos, Aurélien Recoing, Catherine Salée. 
Genere  Drammatico  -  U.S.A. 2013.

La giovane e talentuosa Léa Seydoux è, al momento, una delle attrici francesi più richieste sia in Europa che oltreoceano. Ha recentemente aderito al progetto Blue is a hot color, che sarà diretto dal regista di Venere nera Abdellatif Kechiche. Si tratta dell'adattamento per il grande schermo della graphic novel di Julie Maroh.


Don Jon

Esordio alla regia di Joseph Gordon-Levitt

Regia di Joseph Gordon-Levitt. Con Joseph Gordon-Levitt, Scarlett Johansson, Tony Danza, Julianne Moore, Rob Brown.
Genere  Commedia  -  U.S.A. 2013.

Il protagonista di 500 giorni insieme e Inception, Joseph Gordon-Lewitt, gira il suo primo film da regista con la partecipazione di Scarlett Johansson e di Julianne Moore. Ridente commedia che ha come elementi sesso, romance e seduzione, Don Jon's Addiction racconta le peripezie di un giovane e moderno don Giovanni - interpretato dallo stesso Gordon-Lewitt - che ha per mentore una donna. Don Jon's Addiction è tra le premieres del Sundance Film Festival 2013.


Runner Runner



Pericolosi giochi online

Regia di Brad Furman. Con Gemma Arterton, Ben Affleck, Anthony Mackie, Justin Timberlake, Ben Schwartz. 
Genere  Drammatico  -  U.S.A. 2013.

Il film, diretto da Brad Furman (The Lincoln Lawyer), ha aggiunto al suo cast Justin Timberlake e Ben Affleck. La vicenda è ambientata nel mondo dei giochi d'azzardo online e racconta un rapporto teso tra il fondatore di un'azienda e un suo dipendente molto stimato. Produce Leonardo Di Caprio.


Il tocco del peccato

Il lavoro più commerciale di Jia Zhangke affronta con efferatezza le tensioni sotterranee della Cina

Regia di Jia Zhang-Ke. Con Wu Jiang, Vivien Li, Tao Zhao, Baoqiang Wang, Jia-yi Zhang. 
Genere  Drammatico  -  Cina  2013.

Diretto da Jia Zhangke, Tian Zhu Ding è in concorso alla 66. edizione del Festival di Cannes. Il film è un nuovo affresco socio-politico-economico che, attraverso le storie di un minatore, un migrante, un operaio e della receptionist di una sauna, porta alla luce la buia violenza, repressa, ma pronta ad esplodere, che si cela dietro la facciata luminosa del boom economico.


. . . da martedì 29 ottobre . . .


Metallica Trough the Never



Regia di Nimród Antal. Con Dane DeHaan, Metallica.                                                                 
Genere  Musicale  -  U.S.A. 2013.

DeHaan interpreta un giovane membro della band che viene inviato in una missione urgente, mentre il gruppo sta suonando un live travolgente di fronte ad un tutto esaurito e trova inaspettatamente il suo mondo completamente sottosopra.


. . . mentre da mercoledì 30 ottobre . . .


Ender’s Game

Dal romanzo di fantascienza di Orson Scott Card

Regia di Gavin Hood. Con Harrison Ford, Viola Davis, Asa Butterfield, Abigail Breslin, Hailee Steinfeld. 
Genere  Fantascienza  -  U.S.A. 2013.

L'adattamento cinematografico di Ender's Game, romanzo fantascientifico di Orson Scott Card, vincitore del Hugo Award nel 1985, che racconta di un ragazzo soprannominato Ender che, ad un'età molto giovane, viene scelto per andare alla Battle School che si trova nello spazio. La scuola è un posto dove gli adulti allenano ragazzi di talento per diventare leader militari per una guerra imminente usando giochi di guerra a gravità zero, simulazioni digitali interattive e molto altro.


Buona visione a tutti da 

mercoledì 23 ottobre 2013

ELDY OSCURATA PER PROBLEMI RELATIVI AL REGOLAMENTO...

Nel corso di una conversazione con un amico di vecchia data eldyano, preciso eldyano, perchè non sara' certo una  presidente (fantasma)  ad impormi di non frequentare le persone conosciute in eldy, mi ha informato di un fatto increscioso successo qualche giorno fa che riguarda eldy:  la maggior parte dell'utenza  non riusciva a collegarsi  .Problema del server? Aggiornamenti?
No ,signori, uno degli amministratori ha chiuso "tutto" cioè non era possibile l'accesso al programma  per 5 minuti e oltre in quanto alcuni utenti litigavano per la questione del regolamento. Ora, io dico, un minimo di professionalità e consapevolezza avrebbe indotto i responsabili a dare spiegazioni... loro no...no loro...loro no...
Caro Serotti Vincenzo, alias Donald -Sorgigio eccoti il regolamento completo di cui ti parlavo e che è visibile in rete senza nessuna data di aggiornamento. E ricordo alla "direzione" ,oramai fantasma, che il regolamento vale per tutti e non "tu si e tu no ". Ho sottolineato  le infrazioni commesse nei confronti di alcuni utenti , da chi ha stilato questo regolamento.


http://eldy.eldylombardia.it/regolamento-eldylombardia.pdf

Regolamento per la registrazione Eldy Lombardia:
1- Lo scopo del sito www.eldylombardia.it è quello di dare spazio e visibilità alle Associazioni di volontariato lombarde 
che si occupano di anziani, nell'ottica di diminuzione del digital divide tramite la diffusione del programma Eldy 
Lombardia. Non è possibile fare un utilizzo di questo sito che esuli da tali scopi.


-a. Links a siti/forum/chat/blog che non siano attinenti alla finalità prime per cui il sito è stato creato (vedi punto 1)
-b. Links a siti/forum/chat/blog concorrenti a Regione Lombardia, Associazione Eldy onlus, Lombardia Informatica spa
-c. Indirizzi e-mail di privati
-d. Numeri di telefono o indirizzi di privati
3- Ciascun utente si impegna espressamente a non inviare messaggi il cui contenuto possa essere considerato 
diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo (tollerato ,invece, per alcuni utenti, senza dare spiegazione  nota di Annamaria)dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, 
nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.

4- Sono espressamente vietati commenti, foto e video aventi come contenuto:

a. Offese verso gli anziani o le associazioni che fanno uso del sito www.eldylombardia.it
b. Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, 
beffeggiatoria e denigratoria
c. Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
d. Incitamento alla violenza e alla commissione di reati
e. Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
f. Contenuti contrari a norme imperative, all'ordine pubblico e al buon costume
g. Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche
h. Materiale fotografico, senza il loro consenso delle persone ritratte
i. Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili(stessa nota del punto 3)
j. Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
l. Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti 
all'argomento trattato
k .In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming".
5- Se vengono riportate informazioni o materiale da organi di informazione ufficiali (es. quotidiani) è obbligatorio 
citarne la fonte, sempre a patto che non vengano violate le norme sul copyright.
6. Non è consentito:
a. Inviare messaggi che contengano insulti, offese, sia tra membri del social network www.eldylombardia.it che verso 
altri soggetti
b. Avere atteggiamenti e/o posizione di contestazione, palesemente ostili nei confronti dei moderatori
e dell'amministrazione del social network. A questo proposito si fa presente che le decisioni dei moderatori non sono 
oggetto di discussione sul forum ed eventuali lamentele, critiche e chiarimenti riguardo l'attività di moderazione devono 
essere presentati in forma privata scrivendo all'indirizzo info@eldy.org (a questo indirizzo non ti risponde mai nessuno!...nota di Annamaria)
c. Trattare argomenti ritenuti non idonei allo spirito del forum, cioè quello di promuovere l'alfabetizzazione informatica 
degli anziani o contrari al buon gusto o comunque in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti
d. Richiedere informazioni a fini commerciali
7. Le violazioni di queste norme comporteranno la non approvazione o la rimozione del messaggio dei contenuti 
caricati dagli utenti
8. In presenza di comportamenti gravi o comunque recidivi, la violazione di queste norme potrà comportare la 
sospensione a tempo o la cancellazione dell'Utente responsabile. L'utente che, più volte cancellato, continui a 
riscriversi col solo scopo di turbare il regolare svolgimento delle attività verrà segnalato alle competenti 
autorità.
9. Si precisa, inoltre, che:
a. Regione Lombardia, Associazione Eldy onlus, Lombardia Informatica spa non possono in alcun modo essere ritenuti 
responsabili per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riservano il diritto di cancellare qualsiasi messaggio o 
contenuto sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del social network senza tuttavia assumere alcun obbligo 
al riguardo.
b. Ciascun partecipante si assume la piena responsabilità penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri 
messaggi e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi.
10- Regione Lombardia, Associazione Eldy onlus, Lombardia Informatica si riservano anche il diritto di rivelare i 
dati dell'autore di un messaggio in loro possesso in caso di richiesta da parte delle autorità competenti.
11. Questo regolamento potrà essere modificato in qualsiasi momento e senza preavviso. L'Utente è pertanto 
tenuto a consultarlo periodicamente per verificare la presenza di eventuali aggiornamenti. E' in ogni caso esclusa 
qualsivoglia responsabilità di Regione Lombardia, Associazione Eldy onlus, Lombardia Informatica spa nei confronti dell'utente relativamente a modifiche delle condizioni e termini di utilizzo e/

12. Regione Lombardia, Associazione Eldy onlus, Lombardia Informatica spa si riservano il diritto di disabilitare 
l'Utente alla funzione di partecipazione al servizio, con conseguente cancellazione dell'account dell'Utente, qualora 
venisse a conoscenza ovvero determinasse, a loro esclusivo insindacabile giudizio, che l'Utente abbia ovvero stia 
violando le prescrizioni di cui al presente Accordo, nonché la normativa vigente.
13. Regione Lombardia, Associazione Eldy onlus, Lombardia Informatica spa fanno affidamento nel buon senso degli 
utenti al fine di mantenere il social network uno spazio civile e gradevole di incontro, anche al fine di limitare al minimo 
l'attività di moderazione.
14. Per tutte le controversie che dovessero insorgere in relazione all'esecuzione o interpretazione del
presente accordo sarà competente in via esclusiva il Tribunale di MIlano.
Per perfezionare il presente Accordo è necessario fare click sul link "Accetto"

Dunque loro si tutelano, ma l' utente chi lo tutela, ????

Annamaria

IL BLOG-ROMANZO DI BEN APFEL : PRIMA DI TUTTO E NUBRIFAGIO




....""A questo punto non mi resta che invitarvi a leggere il romanzo ,a puntate, pubblicato ogni mercoledi, dopo la mezzanotte""
Titolo: Fare fuori la MedusaSito: http://farefuorilamedusa.comAutore: Ben ApfelEditore: AssentePrezzo: GratuitoGenere: Romanzo d’amore Ben....e , bravo e complimenti tiseguiremo...io di sicuro!... 

Concludevo così la presentazione di Ben in questO articolo del 10 settembre scorso...   http://ilmioblog-annamaria.blogspot.it/2013/09/il-blog-romanzo-di-ben-apfel.html... da oggi e tutti i martedi, potrete seguire il romanzo (d'amore) a puntate di ben anche nel nostro blog












FAREFUORILAMEDUSA

romanzo a puntate di Ben Apfel


CAPITOL0

0 (Prima di tutto…)

E insomma siamo in questa fraschetta ai castelli con le mani sporche di formaggio e affettati… e Giuliana racconta della Spagna. Dice che non vede l’ora di tornarci, che là la gente è ok, che s’è divertita un botto, che gli spagnoli sono un po’ come gli italiani e un po’ no. E che quando nel piatto rimane una cosa sola, che nessuno la prende per non fare la parte dell’ingordo, in Spagna si dice “el plato de la verguenza”.
Cioè Il boccone della vergogna…”, fa Massi.
Gabri al solito lo guarda storto.
Ciccio dice subito che questa cosa la sapeva già, e Giannina lo ridimensiona ricordando agli altri che quella storia Giuli la caccia fuori un mese sì e l’altro pure.
E tu?”, mi fa Giuliana. Che non parlo perché ho la bocca piena.
Che scemata”, dico io, mentre mando giù il boccone, “la fame è fame, altro che…”
Qualche mese dopo io Massi e Gabri abbiamo trovato casa a Roma e cominciato a farci su qualche lavoretto tipo pulizia estrema, rasatura, imbiancatura, scelta dei colori e ri-pittura. Ora la casa è uno sballo e la mia stanza è arancione.
Stiamo dalle parti di piazzale Ostiense, in un punto strategico tra San Saba e la Marco Polo. Mi ricordo quando abbiamo visto la piramide per la prima volta; attraversavamo il piazzale in macchina: “che cazzo ci fa una piramide al centro di Roma?”, dico. Credete che qualcuno abbia saputo rispondermi?



CAPITOLO

1 (Nubifragio)


Per ogni sfigato che si rispetti qualunque contingenza, contesto, circostanza, non è che lo scenario di un film epico in cui il protagonista, l’eroe della storia, il paladino della giustizia, il punto di riferimento dell’intera umanità, sta per interpretare una scena madre.
Metteteci anche che Roma di notte fa sempre la sua porca figura, che il centro storico è suggestivo di per sé, che indosso la mia camicia bianca a fiorellini rossi e blu e il gioco è fatto.
Ho raggiunto l’ingresso del locale che erano le venti e trenta, ho guardato l’ora sul telefonino e sono entrato come un attore di teatro che si caca sotto ma tiene duro e sale sul palco lo stesso. Ho starnutito perché sono allergico ad un numero pazzesco di cose, e mi sono appropriato di un tavolo vuoto nel caso gli amici a cui avevo detto della presentazione si fossero presentati.
Sono andato in quel locale per leggere un mio racconto, di fresco pubblicato su un’antologia con altri giovani in cerca di gloria, fama o (i più ritardatari) di sé.
Mi ero appena trasferito in città, mi preparavo a cambiare tutto, riparare le falle, sostituire i pezzi guasti.
Quando è così sono tutto dentro me stesso e l’esterno mi tocca in maniera sotterranea. Le situazioni, le voci, le persone lasciano nella mia memoria tracce lievi. A meno di un cataclisma, un nubifragio, qualcosa che allerti i sentimenti ancestrali e attivi lo spirito di sopravvivenza, in quei momenti non mi smuove nulla.
Avevo chiuso una storia di recente e se ci avessi pensato su un attimo ci avrei messo niente a prevedere la composizione del mio tavolo. Quando hai concluso una storia, ti ritrovi a un certo punto con un numero imbarazzante di amiche. La tua ex che vuole che non vi perdiate di vista, le tue ex-ex-ex che cercano uno spiraglio che consenta loro di sedurti-e-lasciarti per soddisfare la loro naturale sete di vendetta, alcune new entry con cui condividi poco ma tieni lì sperando che sappiano consolarti nei momenti di solitudine e le finte altruiste che dicono di volerti vedere accasato ma tramano nell’ombra l’assalto alla torre. Queste si riconoscono facilmente perché nonostante l’apparente bontà delle intenzioni stanno sul cazzo a tutte.
Tre ore dopo al mio tavolo eravamo una decina: io e le “mie” donne, come dicevano gli amici; ma nessuna di loro era veramente mia.
Ecco come funzionava la cosa:
L’antologia era composta di una decina di racconti.
Il numero dei racconti corrispondeva al numero degli scrittori.
Ogni scrittore avrebbe letto il proprio racconto.
Lunghezza media di ogni racconto: diciotto pagine. Per un tempo di lettura medio inaccollabile, e un tempo di lettura totale capace di reindirizzare l’attenzione della platea sulla birra. Con magno gaudio del proprietario del locale.
Insomma ero là, in una batteria di dieci scrittorucoli, ognuno col suo raccontino da nulla da somministrare senza convinzione a un certo numero di indistinti beoni più qualche conoscente.
Il nostro salva-faccia era un pianista frustrato, contento di poter fare con noi “ragazzini” l’artista sregolato. Le sue frasi preferite erano:
Non preoccupatevi…” e “ci penso io!”
Era un qualunque giorno d’inverno nei paraggi del carnevale. Molto appropriato!
Un ragazzo presentava la serata sul nostro palchetto, davanti ad una platea nutrita al di là di ogni aspettativa. Locale strapieno.
Offerta una performance niente più che decente e strappati un po’ di applausi automatici mi sono seduto al tavolo intento a concentrarmi sulle mie ospiti.
Invece dopo di me si alza a leggere lei, ed è il nubifragio. È alta ed evidentemente brilla. Nel tentativo di raggiungere il palco barcolla, fa l’equilibrista su due spericolatissimi tacchi a spillo. Subito un tizio grassoccio con gli occhietti porcini si alza a offrire le sue mani gelatinose come approdo sicuro, e lei che ride per i fatti suoi, ma si vede che lo scruta coi suoi occhi grandi e dorati, gli rifila uno spintone che in una volta la rimette in equilibrio e costringe il porco a un ruzzolone da circo.
È un’ovazione. L’unica che non ride è una zingarella che chiede l’elemosina tra i tavoli e guarda me, ma non è che ci giurerei. Troppe risate, troppi applausi. È il suono della catarsi per il lieto fine offertoci. Una rarità nel genere “Uomo grasso e viscido ci prova con la pupa indifesa”.
Ad ogni modo si leva le scarpe, sale sul palco e si avvicina al microfono comunicandoci con una punta di divertimento nella voce, il suo disappunto per l’insensibilità dimostrata dai creatori di tacchi sopra i dieci centimetri, rispetto al diffuso problema delle vertigini. Per non parlare delle stupide convenzioni secondo cui, per leggere un raccontino senza importanza, bisogna per forza arrampicarsi in cima a un palco.
La gente ride e mi giro a guardarli tutti come se c’entrassi qualcosa. Li guardo con orgoglio, neanche lei fosse mia. Poi comincia a leggere stabilendo, da sola, in quell’unico istante, il vero significato della parola “meraviglia”. Un viso d’angelo montato su due metri di gamba a fasce colorate, due labbra perfettamente rosse e sagomate che modulano una voce cristallina, fanno di quel racconto (di cui non ricordo nulla) il miglior racconto possibile. Mentre la guardo e l’ascolto mi assicuro con la coda dell’occhio che la mia ex non mi veda. Mi rimprovero di essere stato così stupido da temere di essere osservato, improvvisamente consapevole del fatto che tutti la stiamo guardando, che quindi il mio alibi è di ferro. Mi rimprovero ancora di aver creduto seppure per un istante che il mio sguardo fosse più rapito degli altri che pure sgranano i bulbi come bambini, e di non resistere alla tentazione di guardare ancora la mia ex per capire se ha capito. E se mi sta guardando ha capito.
Lo so che se lei mi sta guardando e i nostri sguardi si incontrano è una confessione in piena regola ma non resisto.
Mi sta guardando, lo sapevo.
D’accordo, racconterò tutto al mio dottore e sarà un tripudio di sensi di colpa e cali di autostima ma adesso non mi frega un granché a dirla tutta. Distolgo il mio sguardo in bilico sulla mia ex e lo ripongo al sicuro sulla meraviglia con una disinvoltura che per un attimo penso di non avere più bisogno di nessuno, che il mio dottore non è che un costoso orpello, che stare lì a guardarla, lei che non so neppure come si chiama, è la mia nuova terapia.

Ben Apfel...a martedi!